Articoli

La fine del mondo (Testi)

VIDEO

Buon Natale anche a te Matteo eh. 

Non c’è che dire: non c’è miglior modo di celebrare il Natale che annunciando una grande guerra globale.

Questo – lo avete senz’altro riconosciuto – è il sempre solerte ex ministro dell’Interno e capo della Lega Matteo Salvini che al congresso dell’ex partito del Nord a Milano arriva con una specie di diorama napoletano raffigurante alcuni profughi del Vicino Oriente. In altre parole, un presepe.

Ora. Uno potrebbe ignorare quest’ ennesima sparata come un disperato tentativo di riconquistare un po’ di visibilità in vista delle elezioni regionali in Emilia. 

O uno potrebbe andarsi a recuperare un discorso sorprendentemente simile fatto alcuni anni fa da una nostra vecchia conoscenza: 

“Voglio chiedere a tutti qui oggi – a tutti voi che siete promotori di idee nel mondo cattolico – che cosa penseranno le persone tra 500 anni di noi oggi? Tutti noi che siamo associati coll’occidente cristiano-giudaico e coi precetti ad esso connessi dobbiamo chiederci – specialmente in una cittá come Roma, specialmente in Vaticano – che cosa diranno di me tra 500 anni? […] Guardate che cosa sta accadendo e vedrete che siamo coinvolti in una guerra di proporzioni immense”.

[And I would ask everybody in the audience today, because you really are the movers and drivers and shakers and thought leaders in the Catholic Church today, is to think, when people 500 years from now are going to think about today, think about the actions you’ve taken — and I believe everyone associated with the church and associated with the Judeo-Christian West that believes in the underpinnings of that and believes in the precepts of that and want to see that bequeathed to other generations down the road as it was bequeathed to us, particularly as you’re in a city like Rome, and in a place like the Vatican, see what’s been bequeathed to us — ask yourself, 500 years from today, what are they going to say about me? What are they going to say about what I did at the beginning stages of this crisis?

Because it is a crisis, and it’s not going away. You don’t have to take my word for it. All you have to do is read the news every day, see what’s coming up, see what they’re putting on Twitter, what they’re putting on Facebook, see what’s on CNN, what’s on BBC. See what’s happening, and you will see we’re in a war of immense proportions. It’s very easy to play to our baser instincts, and we can’t do that. But our forefathers didn’t do it either. And they were able to stave this off, and they were able to defeat it, and they were able to bequeath to us a church and a civilization that really is the flower of mankind, so I think it’s incumbent on all of us to do what I call a gut check, to really think about what our role is in this battle that’s before us.]

Questo è un personaggio che conosciamo molto bene – anche perché è stato una presenza discreta ma molto forte in quasi tutte le puntate del podcast. E ho pensato che a questo punto forse è il caso che ci presentiamo.

Sì. E’ Steve Bannon, l’ex consigliere per la sicurezza di Donald Trump, consigliere di amministrazione di Cambridge Analytica, ex direttore del sito d’informazione più amato della nuova destra americana Breitbart News, deus ex machina della guerra d’informazione globale, nonché experto di comunicazione ed eminenza grigia dietro a quasi tutti i movimenti populisti di destra dell’ultimo decennio.

Ora… Sappiamo che Bannon e Salvini si sono incontrati spesso. E sappiamo che Bannon ha un amore incondizionato per il capo della Lega.

Però il discorso di Salvini – simile a quello di Bannon – sulla guerra globale non è solo interessante perché dimostra come il populismo nazionalista sembri attingere a un patrimonio omogeneo di storie e idee.

E’ interessante per il contesto in cui Bannon ha pronunciato il suo discorso originario – via Skype. 

Siamo nel 2014 – prima del Brexit, prima di Trump e dell’onda populista – a una conferenza organizzata in Vaticano da alcune associazioni dell’ultradestra cattolica. 

A fare gli onori di casa è Benjamin Harnwell, presidente del “Dignitatis Humanae Institute”, che qualcuno di voi conoscerà perché è apparso varie volte in televisione – soprattutto nelle inchieste di “Report”. Questo qui:

VIDEO

Harnwell ha cominciato la sua carriera come portavoce di un parlamentare conservatore inglese. Poi ha fondato un’associazione cattolica tradizionalista ed è finito a gestire la Certosa di Trisulti, una meravigliosa abbazia in provincia di Frosinone, dove il nostro amico Bannon voleva fondare un istituto di ricerca sovranista e populista. Grazie al lavoro di inchiesta di “Report” – e a una serie di irregolarità nell’iter per la concessione – il progetto sembra per ora essersi arenato.

Però nel 2014 Harnwell è sulla cresta dell’onda. E non è da solo. Alla conferenza in Vaticano è presente anche la “Fondazione Novae Terrae” – un’associazione contro l’aborto, il divorzio, i diritti degli omosessuali, insomma tutto il repertorio di conquiste sociali a cui sono allergici i cattolici tradizionalisti.

Fondatore è l’ex parlamentare dell’UDC Luca Volonté, che nel 2013 viene indagato insieme alla sua associazione per aver ricevuto finanziamenti illeciti dall’Azerbaijan.

Uno dei membri del direttivo era all’epoca anche Simone Pillon, il senatore leghista che ci ha regalato una delle proposte di legge più raccapriccianti dell’ultima legislatura: quella per cui una donna non può separarsi dal marito ma deve sempre cercare una “mediazione” – anche se tipo il marito la mena. E comunque deve condividere con lui l’affido dei figli.

Ecco. Proprio in quegli anni la “Novae Terrae” di Volonté e la “Dignitatis Humanae” di Harnwell cominciano a ricevere ingenti finanziamenti dall’ex Unione Sovietica – e avviano un’intensa campagna di lobby in Europa per promuovere iniziative contro il divorzio, l’omosessualità e l’aborto. Tra le altre cose commissionano studi che hanno lo scopo di dimostrare che solo la famiglia tradizionale garantisce una società stabile.

Nel 2019 queste associazioni si ritrovano tutte insieme a organizzare quella meravigliosa festa del progresso e della civiltà che è il “Congresso Mondiale delle Famiglie” a Verona. 

E sono in buona compagnia: oltre a loro c’è la onlus antiabortista “Provita” – vicina a “Forza Nuova” – e la spagnola “CitizenGo” – organica al partito neo-franchista Vox – che organizza raccolte di firme e campagne contro aborto e eutanasia in tutta Europa.

L‘Espresso” e “Report” hanno documentato molto bene la rete di finanziamenti che congiunge oligarchi russi, associazioni dell’ultradestra cattolica americana, neofascisti italiani e una vasta pletora di sigle in cui belle parole come “vita” e “famiglia” suonano improvvisamente molto inquietanti. Se non lo avete ancora fatto vi consiglio di andare a vedere i risultati delle loro inchieste. Trovate i link nel blog.

Riassumendo: negli ultimi cinque-sei anni si è è andato consolidando un network internazionale di organizzazioni di ispirazione cristiana conservatrice che hanno obiettivi e nemici comuni – le femministe, gli omosessuali, famiglie non tradizionali eccetera. 

A tessere le fila di questo movimento è soprattutto un’organizzazione americana con stretti legami col clero russo ortodosso: l’ “International Organisation for the Family” (IOF). Il presidente Bryan Brown, è stato tra i promotori della legge che in Russia ha messo fuorileggei movimenti per i diritti degli omosessuali. 

Quando si tratta di combattere contro gay e femministe l’IOF e il Congresso delle Famiglie sono veramente molto tolleranti: oltre ai suddetti gruppi cristiani ultraconservatori fanno parte dell’organizzazione anche rabbini ebrei ortodossi e persino imam musulmani. 

Ditelo a Salvini la prossima volta che sale sul palco del Congresso delle Famiglie: potrebbe trovare in prima fila uno dell’ISIS. 

E’ l’ecumenismo dell’odio.

L’ IOF è  solo una delle molte sigle pro-famiglia nate negli Stati Uniti tra gli anni ‘80 e gli anni ‘90 nel più ampio bacino di quella che viene generalmente chiamata “Christian Right”, la destra cristiana. Hanno tutte nomi molti rassicuranti come Catholic Family and Human Rights Institute, Concerned Women for America, Human Life International, National Coalition for Life and Peace.

Ma dietro questi nomi si cela una realtà meno rassicurante. Primo perché la loro propaganda contro l’aborto ha ispirato negli ultimi 30 anni quasi 50 attacchi terroristici contro cliniche che praticano l’interruzione di gravidanza – causando 11 morti. Alla faccia del rispetto della vita.

Secondo perché a ben vedere la loro visione del mondo è piuttosto truce.

Uno degli elementi che li accomuna è infatti la ferma convinzione che i cambiamenti avvenuti nella nostra società negli ultimi decenni – come la libertà sessuale e la parità di genere – siano in realtà precursori di un altro, un po’ più radicale cambiamento.

La fine del Mondo.  

Ora. Noi in Europa è da più di mille anni che abbiamo regolarmente a che fare con persone che ci dicono che il mondo sta per finire. Generalmente le trovi nelle stazioni ferroviarie che spingono carrelli pieni di lattine.

In America però la cosa è molto più seria. E per un valido motivo. Già i pellegrini – padri del mito americano – quando arrivarono a Plymouth Rock nel 1620 in fuga dall’Europa erano convinti che il mondo fosse lì lì per finire. 

Il perché è un po’ lungo da spiegare. In breve: la Guerra dei Trent’Anni – che era iniziata nel 1618 come un conflitto tra Cattolici e Protestanti – viene interpretato da alcuni puritani, cioè protestanti molto rigorosi, come la guerra tra veri credenti e i seguaci dell’Anticristo profetizzata nella Bibbia. Una guerra che annuncia il ritorno di Cristo sulla Terra – e così la Fine dei Tempi.

E quest’idea della Seconda Venuta di Cristo continua a stuzzicare gli evangelici americani nei secoli a venire. Vari teologi e pastori protestanti aderiscono a questo cosiddetto millenarismo evangelico. Uno dei motivi è che questa dottrina ha sottili ma significative implicazioni politiche: essa configura infatti i cristiani come un esercito in guerra, il cui scopo è quello di liberare la Terra dai miscredenti. Una guerra santa. 

Se però in origine la guerra era ancora intesa come una lotta tra diverse fazioni del cristianesimo, piano piano nel corso dei secoli quest’idea si generalizza e la guerra diventa per centinaia di migliaia di evangelici americani condizione fondamentale del vivere cristiano: guerra al vizio, guerra all’immoralità – ma anche guerra alla modernità, alla scienza, all’evoluzionismo e al socialismo.

Questo impianto ideologico si cristallizza all’inizio del ‘900 in un’opera messa insieme non da un teologo e nemmeno da un religioso, ma da un petroliere californiano che si chiama Lyman Stewart, il quale compone in un librone l’intera dottrina della Guerra Santa in vista della battaglia finale. E chiama questo libro: “I Fondamentali”

Nel caso ve lo stiate chiedendo: sì. E’ da questo libro che viene la parola “Fondamentalista”. Credevate fosse una roba islamista, eh?

Il credo “fondamentalista” sembra fatto apposta per una Nazione che proprio in quegli anni sta emergendo sull’orizzonte internazionale. “I Fondamentali” infatti indicano gli Stati Uniti come una Nazione eletta da dio per guidare il mondo fuori dalle tribolazioni verso la patria celeste. Eliminando nel processo i nemici della fede.

Questo significa che più gli Stati Uniti sono forti, più il piano divino si avvicina alla realizzazione. In nome di questo progetto tutto è lecito: un’economia senza regole, lo sfruttamento illimitato delle risorse e dei lavoratori – e anche la guerra vera e propria. 

Perché nella loro visione del mondo non esiste possibilità di conciliazione. C’è il bene. C’è il male. E il bene – cioè chi la pensa come loro – vince sempre.

Non sorprende che tra gli ammiratori dichiarati di questa dottrina ci siano personaggi importanti della Storia americana come i presidenti Ronald Reagan e George W. Bush. Il secondo ha attinto ad esempio ampiamente al repertorio dei “Fondamentali” all’indomani dell’ 11 settembre, quando diceva che dio gli ha detto di andare in guerra in Afghanistan e in Iraq perché – attenzione:

Stati come questi e i loro alleati terroristi sono l’asse del male.

Anche nell’attuale amministrazione americana i millenaristi evangelici sono ben rappresentati: sia l’attuale Segretario di Stato Mike Pompeo che il Vice Presidente Mike Pence sono notoriamente sostenitori di queste teorie. E poi c’è lui:

“Non verremo solo giudicati dalla storia. Verremo giudicati da dio. Questa non è una guerra tra fedi o civiltá diverse. Questa è una battaglia tra il bene e il male”.

Ora… Bisogna fare una distinzione. Queste teorie hanno riscosso grande successo tra i protestanti. Per i cattolici il discorso è un po’ diverso. Storicamente la Chiesa cattolica non sembra infatti amare molto i discorsi sulla Fine del Mondo – e del resto come bisasimarla: con 2.000 mila miliardi circa di capitale immobiliare stimato – per lo più esentasse – uno spera che le rendite gli durino ancora per un po’.

In America però nel Dopoguerra anche i cattolici hanno cominciato a flirtare con queste idee – probabilmente perché hanno visto che grazie a loro i cugini protestanti facevano proseliti. 

Uno dei principali pontieri tra millenarismo evangelico e cattolicesimo è un tale Fulton J. Sheen, arcivescovo di Peoria in Illinois – passato alla storia come il primo telepredicatore americano.

Con un portamento e un aspetto che ricordano un po’ l’attore Vincent Price, Sheen diventa in poco tempo una star televisiva famosa come Johnny Carson o Bob Hope. E nel dopoguerra – un periodo, val la pena ricordarlo, in cui gli americani passano dall’entusiasmo della vittoria all’incubo della minaccia atomica – Sheen comincia a parlare loro di avvento dell’anticristo e fine del cristianesimo – che in termini biblici può essere equiparata alla fine del Mondo. 

A provocare la catastrofe non sarebbe però la bomba atomica ma il “modernismo”, cioè la cultura della tolleranza e del rispetto delle differenze. “L’America soffre di troppa tolleranza – scrive in un saggio – la tolleranza del bene e del male, la tolleranza di verità e menzogna, virtù e peccato, Cristo e caos. Il nostro paese – scrive Sheen – è invaso da troppe persone di larghe vedute”. Eh, son problemi eh.

E Sheen ha un’influenza duratura sui cattolici conservatori americani.

Un’influenza che possiamo percepire chiaramente anche nella conferenza in Vaticano da cui siamo partiti. A invitare Steve Bannon ad apparire alla conferenza è infatti un alto prelato americano che si chiama Raymond Leo Burke, Arcivescovo della città di San Louis e – per sua stessa definizione – “figlio spirituale” del telepredicatore Fulton J. Sheen.

Burke gode di grande prestigio in Vaticano. E’ dei massimi esperti mondiali di diritto canonico ed è stato prefetto della Signatura, la Corte Suprema vaticana. Ma è anche un personaggio controverso. 

La lista delle sue dichiarazioni contro aborto, omosessuali, divorziati e donne nel clero è una specie di compendio di tutti i più triti cliché del genere: dal ruolo naturale della donna alla grande cospirazione gay che governa il mondo, dalla condanna del divorzio come offesa a dio a negare la comunione a chiunque non si pronunci senza mezzi termini contro l’aborto.

In un’intervista del 2014 per dire ha dichiarato che omosessuali e cattolici divorziati che si risposano – anche che si comportano da buoni cristiani – non sono poi tanto diversi da un assassino che si comporti gentilmente cogli altri.

Anche in ragione di queste controversie quando Burke contatta Bannon nel 2014 la sua stella in Vaticano è al tramonto. Il nuovo Papa lo ha appena buttato fuori dalla Congregazione dei Vescovi e lo ha relegato a un ruolo puramente rappresentativo. Burke è furioso. 

Forse a questo punto è il caso di aprire una piccola parentesi per spiegare che cosa sta succedendo in Vaticano in quel periodo. 

Circa un anno prima è successa una cosa che non capitava da più di 500 anni. Papa Benedetto XVI ha dato le dimissioni. E’ un colpo durissimo per le istituzioni vaticane – soprattutto per l’ala tradizionalista del clero cattolico. Il rigoroso teologo tedesco Joseph Ratzinger – già Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede – aveva infatti acceso le speranze di una svolta rigorista in Vaticano: tra aperture alla Messa in latino, riabilitazione di prelati ultratradizionalisti e tirate contro l’Islam Benedetto XVI sembrava avviato a riportare le lancette della Storia indietro di 500 anni.

E invece non è successo nulla di tutto questo. La ragione principale è che la Chiesa cattolica ha per così dire le pezze al culo. E questo per tre ragioni principali.

Primo: durante il pontificato di Giovanni Paolo II, il polacco Karol Wojitila, la Chiesa cattolica aveva combattuto – e vinto – contro le armate anticlericali del Blocco Socialista. Ma dopo il crollo del Muro era subentrata una forte crisi di identità. 

Secondo: lo stesso Papa Wojtila – pontefice straordinariamente attivo e determinato – verso la metà degli anni ‘90 inizia a mostrare segni di debolezza, dovuti in  larga misura all’incipiente morbo di Parkinson.

Gli ultimi anni del suo pontificato sono stati una lunga, straziante agonia. Anche per il Soglio Pontificio. Private di una guida forte, le gerarchie eccelsiastiche avevano iniziato una feroce guerra intestina, in cui la Curia – cioè il governo del Vaticano – diventa sempre più autonoma e influente. 

E terzo: in mezzo a tutto questa – è proprio il caso di dirlo – babele scoppia quella che possiamo definire un’autentica bomba mediatica.

Questo è il cardinale di Boston, Bernard Francis Law, che nel 2002 – a seguito di un’inchiesta giornalistica del Boston Globe – ammette per la prima volta che la Chiesa Cattolica ha un grosso, grossissimo problema: alcuni preti hanno molestato o stuprato ragazzine e ragazzini. E i loro vescovi li hanno coperti.

Gli effetti sono devastanti. Un numero sempre più grande di cattolici si distanzia dalla Chiesa: soprattutto negli Stati Uniti. Nel 2002 due terzi dei cattolici americani andavano a messa regolarmente. Nel 2019 sono solo la metà. Stessa cosa in Europa: in vari paesi a maggioranza cattolica come l’Irlanda, il Portogallo e la Spagna il numero di persone che si definiscono “credenti” è calato di 10 punti percentuali rispetto al 2002. 

Quando Benedetto XVI sale sul Trono di Pietro – cioè diventa Papa – la crisi è ormai sotto gli occhi di tutti.

Nel giro di pochi anni il Pontefice si trova a dover combattere con un’opinione pubblica ostile, una Curia sempre più indipendente e un clero in aperta rivolta.

I suoi sostenitori fanno fatica a serrare i ranghi. Nel 2012 informazioni riservate riguardanti i conflitti all’interno del Vaticano arrivano alla stampa. Seguono una serie di scandali tra cui anche un presunto piano per assassinare il Pontefice. 

Insomma: un casino degno di romanzo di Dan Brown. Ma scritto meglio.

Quando nel febbraio 2013 Benedetto dà forfait e ⁰il Conclave si riunisce per eleggere il nuovo Papa, i tradizionalisti sono spalle al muro. E così al posto dell’intransigente teologo Ratzinger viene eletto un gesuita argentino che ha fama di amministratore pragmatico e senza fronzoli: Jorge Mario Bergoglio.

E Bergoglio ci mette pochissimo a far capire che la musica in Vaticano è cambiata. Da un lato ripulisce la Curia e azzera i vertici delle istituzioni vaticane incluso il temibile Istituto per le Opere di Religione. E dall’altro catapulta la Chiesa dal sedicesimo al ventunesimo secolo nell’arco di poche settimane: Non sono passati neanche quattro mesi dalla sua nomina che già fa tremare le fondamenta di San Pietro con queste sette parole:

I tradizionalisti come Burke vanno sulle barricate e fanno quello che per gli alti prelati è l’equivalente degli scontri di piazza: scrivono lettere. Ma Francesco non si lascia intimidire. L’anno successivo convoca un sinodo sulla famiglia che spianerà la strada alla “Amoris Laetitia”, l’enciclica in cui il Vaticano apre all’ipotesi di concedere la comunione ai divorziati – quelli che Burke aveva definito uguali agli assassini.

E’ in questo clima che l’arcivescovo di Saint Louis chiama l’allora direttore della testata più popolare della nuova destra americana Steve Bannon e gli chiede di presenziare alla conferenza sulla povertà. 

Ma perché proprio Bannon? 

Per prima cosa Bannon è cattolico. E non un cattolico così per modo di dire. Ha fatto le scuole dai benedettini e dice di fare regolarmente esercizi spirituali secondo la regola di Ignazio di Loyola, fondatore dei gesuiti.

Anch’io ho fatto il chierichetto fino a 13 anni. E fino a 23 anni sono andato a messa tutte le domeniche. Tutte le domeniche. Ora del mio cattolicesimo è rimasto solo un perenne senso di colpa e la mia tendenza francescans a fregarmene delle convenzioni.

Sarà per questo che avverto una certa sintonia con quest’ omone di 66 anni che si presenta volentieri in pubblico in pantaloni corti e ciabatte – jeans e giacca militare per le occasioni formali.

Del resto: Siamo stati entrambi educati all’umiltà da uomini in sfarzose vesti dorate. Accettiamo che il Papa abbia sempre ragione – anche se un Papa dice “Galileo è un eretico” e un altro “Galileo è un grande scienziato”. E amiamo il nostro prossimo come noi stessi – quando naturalmente non lo bruciamo o lo impaliamo sulla pubblica piazza. 

Insomma a noi cattolici piacciono le contraddizioni. 

E così Bannon può essere un profondo credente con un gigantesco ritratto del liberatore degli schiavi Abramo Lincoln sul focolare di casa sua – e allo stesso tempo predicare un capitalismo completamente privo di regole in cui l’élite bianca può per diritto divino dominare le razze inferiori.

E forse è per l’irrequietezza tipica dei cattolici – quell’ irrequietezza figlia del senso di colpa che ci rende l’opposto dei pragmatici protestanti – per questa irrequietezza, dicevo, Bannon ha passato la vita a buttare al vento carriere sfolgoranti (da investment banker, produttore di Hollywood, persino Consigliere Speciale del Presidente) e ora si ritrova a fare dirette fiume sul suo canale di Youtube. A uno che non lo conosce potrebbe sembrare un altro matto complottaro: barba non fatta, occhi arrossati – e quel suo torrenziale modo di parlare che sembra sempre che insegua una frase, un concetto che gli sfugge eternamente.

Insomma, Bannon è un credente – nel senso che è uno che crede profondamente, visceralmente in quello che fa. E’ questo – dicono quelli che lo conoscono bene – che lo rende invincibile.

Ed è questo che lo rende utile a gente come l’arcivescovo Burke. 

Il contatto tra l’arcivescovo e l’allora direttore di Breitbart News avviene probabilmente attraverso una specie di loggia segreta dei cristiani ultraconservatori americani chiamata “Council for National Policy”. Sappiamo che Bannon nel 2014 era membro – come lo era per esempio anche Kellyanne Conway, che sarebbe poi diventata portavoce di Trump alla Casa Bianca. E sappiamo che Burke era in stretto contatto coll’ organizzazione. Fondatore del “Council for National Policy” è un tale Tim La Haye, uno scrittore diventato famoso per una serie di libri su… cos’altro? … la fine del Mondo.

Ed è probabilmente nel circolo di La Haye che è maturata la strategia del clero tradizionalista contro Papa Francesco. Dal 2014 in poi infatti cominciano a proliferare negli Stati Uniti articoli, libri e interventi sulle presunte macchinazioni occulte che hanno portato alla nomina di Jorge Mario Bergoglio al Soglio Pontificio. 

Molte di queste teorie ruotano intorno al potere della cosiddetta “Lobby Gay” – quella che in America chiamano la “mafia color lavanda”. Sarebbe questa – secondo i tradizionalisti – ad aver infettato la Chiesa col germe del vizio, causando in questo modo la diffusione della pedofilia. Gli abusi contro minori non sarebbero quindi il prodotto di un sistema che criminalizza la sessualità e costringe uomini adulti ad astenersi da ogni pratica sessuale e poi li fa mette a stretto contatto con dei ragazzini. No. Ci vuole un complotto. Un complotto di cui si trova traccia addirittura in alcuni scritti ufficiali del Papa emerito Benedetto XVI.

A osservare le campagne anti-Bergoglio apparse in rete negli ultimi anni non si può non scorgere il tratto distintivo di Bannon e dei populisti che lui ha ispirato: c’è l’apparenza di un movimento “dal basso”, di veri credenti che insorgono contro il potere papale. C’è la fitta cortina di fumo di dicerie, complotti e cabale occulte che caratterizza tutte le narrazioni della destra populista. C’è la tendenza a seminare divisione e incertezza nelle comunità. Ma soprattutto c’è una visione fosca del futuro: un senso di disastro imminente.

E i punti di contatto tra la strategia comunicativa del clero tradizionalista e quella della destra populista sono molti. 

Viktor Orban in Ungheria e Heinz Christian Strache in Austria hanno ripetutamente definito la loro battaglia contro l’immigrazione un piano di difesa della cristianità contro l’avanzata dell’Islam. E Radio Marjia, l’emittente cattolica tradizionalista (e apertamente antisemita) che domina l’etere polacco ha avuto un ruolo fondamentale nel promuovere l’ascesa del Partito populista per il Diritto e la Giustizia.

Anche il nostro amico Salvini – avrete notato – da circa un anno ricorre sempre più spesso a madonne, santi, rosari – e ora presepi.

Qualcuno dice che è stato lo stesso Bannon a suggerirgli di usare immagini religiose nei suoi discorsi pubblici. Difficile dire se sia vero o no. Si sa che Salvini intrattiene da diversi anni rapporti col cardinal Burke, di cui ha detto di apprezzare le idee. E si sa che Salvini ha più volte espresso la sua avversione per l’attuale Papa, dicendo che il suo Papa è Benedetto, in riferimento al Papa emerito joseph ratzinger. Ma l’uso di immagini religiose non è nulla che Salvini o uno dei suoi spin doctor non possa aver concepito autonomamente. Tanto più che Salvini non è che faccia sfoggio di perizia teologica: un santino su Facebook, un bacio al rosario, una dedica alla Madonna di Medjugorie – insomma, quella che il raffinato teologo Ratzinger non senza un pizzico di ironia chiama “la fede dei piccoli”.

Sarebbe però sbagliato liquidare la saldatura tra populisti di destra e cristiani tradizionalisti come un semplice matrimonio di convenienza. 

Per almeno due motivi. 

Primo: per circa un secolo l’identità religiosa aveva più o meno un posto definito nella politica europea. Un posto collocato per lo più a destra, ma con un occhio alle fasce più deboli della società. C’erano partiti di ispirazione cristiana che – pur opponendosi strenuamente alla sinistra socialista e flirtando in alcuni casi coll’autoritarismo di destra – si configuravano come soggetti con una chiara e autonoma identità. Questi soggetti negli ultimi 30 anni si sono dissolti o hanno perso molto del loro peso politico. Anche negli ultimi anni. Per darvi un’idea: se è vero che tutti i partiti tradizionali hanno perso consensi in Europa, è anche vero che il gruppo che ha perso più seggi al parlamento europeo nell’ultimo decennio è il Partito Popolare Europeo che riunisce proprio quei partiti di ispirazione cristiana.

Secondo: Anche se i partiti cristiani tradizionali hanno perso gran parte della loro influenza, l’identità religiosa continua ad avere un ruolo fondamentale nel definire gli equilibri politici. Non solo perché negli ultimi anni alcune comunità estremiste – come per esempio la “Fraternità Pio X” che raccoglie al suo interno financo antisemiti e neonazisti – hanno visto crescere i loro aderenti. Ma anche perché molti populisti hanno saputo sfruttare lo sfarinamento delle comunità religiose per creare nuove – più radicali – identità.

Così Jair Bolsonaro in Brasile è appoggiato strenuamente dalla Chiesa Evangelica – una Chiesa che ha decuplicato negli ultimi anni i suoi aderenti grazie allo sfarzo dei suoi predicatori e a un mix di ultra-liberalismo economico e ultra-tradizionalismo etico. Stessa storia – abbiamo visto – negli Stati Uniti, dove Donald Trump può contare sull’appoggio indefesso delle comunità evangeliche bianche della famigerata Bible Belt – la cintura della Bibbia. Ma si può andare anche in Russia, dove Vladimir Putin gode di un sostegno incondizionato da parte del clero ortodosso. O – mutatis mutandis – in Turchia, dove Recep Tayyip Erdogan ha impresso una svolta islamista a quello che era lo Stato più laico del Vicino Oriente. O in India, dove Narendra Modi ha fuso con successo il nazionalismo indù con un populismo alla Bannon.

A proposito di Bannon. Steve, tu che ne dici? E’ un fenomeno passeggero?

La storia è dalla nostra parte. 

Ma quando Bannon parla di Storia – colla S maiuscola – non sta genericamente parlando di quello che troveremo scritto nei manuali del liceo tra 30 anni. No. Sta parlando di una cosa specifica. Bannon crede infatti profondamente in quella che viene chiamata la teoria delle quattro svolte – sviluppata da due storici americani, William Strauss e Neil Howe. In pratica la teoria dice così: la storia americana è composta da momenti di crisi e di risveglio. A ogni crisi segue un risveglio a cui segue di nuovo una crisi più intensa e così via. L’ultima crisi secondo Strauss e Howe è stata la Seconda Guerra Mondiale. Ecco, secondo Bannon l’America – e con essa il Mondo – è avviata verso una nuova ancor più drammatica crisi che dovrebbe consumarsi entro pochissimi anni. Una crisi che rischia di far scomparire la Civiltà Occidentale

Ma siamo onesti. Non è solo Bannon e non sono solo i cristiani tradizionalisti. Le storie sulla Fine del Mondo piacciono un po’ a tutti. Specialmente di sti tempi. Per dire: mai come ora cinema e televisione sono pieni di scenari apocalittici.

E perché? 

Anni fa ho fatto questa domanda al sociologo americano Richard Mitchell che ha vissuto per decenni tra i cosiddetti prepper, che sono persone che si preparano alla Fine del Mondo. Gli ho chiesto perché così tanta gente è affascinata dall’idea dell’Apocalisse. Mi ha risposto: quasi nessuno crede che il Mondo finisca davvero. La nostra paura più grande è quella che il nostro Mondo finisca – che tutte le cose che conosciamo e amiamo spariscano o si perdano come i telefoni a gettoni o i mangiacassette. E abbiamo paura di perdere nois stessi e la nostra identità in un mondo che cambia. Per questo ci inventiamo storie in cui tutto intorno a noi collassa. E noi restiamo.

E in fondo – come abbiamo visto – questo è proprio quello che vendono personaggi come Bannon e Salvini: storie. Non hanno piani pensionistici o progetti di investimenti da offrirci. Ci offrono un racconto, un modo di vedere il mondo. E allora il grande conflitto globale di cui parlava Bannon nel 2014 e di cui ha parlato Salvini nel suo discorso del presepe non è una guerra tra Stati, civiltà o ideologie. E’ un conflitto tra passato e presente. Tra un Mondo che finisce ogni sera e un Mondo diverso, più complesso e avvincente che riappare la mattina dopo – con nuove tecnologie, nuove identità e nuove sfide.

La vera guerra globale è tra chi teme la fine e chi, invece, sogna un nuovo inizio.

Per saperne di più: Antonio Spadaro, Marcelo Figueroa, EVANGELICAL FUNDAMENTALISM AND CATHOLIC INTEGRALISM: A SURPRISING ECUMENISM

Standard
Articoli, Episodi

La fine del mondo, Ep. 10

Abbonati al podcast

Buona fine e miglior principio.

Qui si parla di angeli e demoni.

Scritto da Fabio Ghelli

Prodotto da Federico Bogazzi e Fabio Ghelli

Musiche di:

Standard
Testi

La casa, Ep. 9 (Testi)

Generalmente quando comincio a lavorare a una puntata del podcast ho in mente un’idea, un concetto, una roba astratta che se la tiri fuori mentre parli con qualcuno puoi sperare al limite in un “Beh sì no… son problemi grossi”. Ma questo è il bello del podcast. Che non devo starmi a preoccupare se vi annoiate. E voi non dovete imbastire scuse per andarvene.

Parlare del fatto del giorno, dei titoli di giornale non mi interessa tanto.

Però stavolta voglio fare un’eccezione. Perché questa roba qui è sì una cosa così, passeggera, un dibattito buono per una chiacchierata tra amici ma secondo me è anche una summa di tutto quello che non va nei dibattiti sul mio tema preferito: l’immigrazione. 

Sto parlando di questa roba qui

AUDIO Zingaretti

Questo è il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti che durante una manifestazione di partito a Bologna nel novembre del 2019 dice che si impegnerà per far approvare lo ius soli e lo ius culturae – inutile latinorum per dire una roba semplice: chi è nato in Italia e qui vive, cresce e va scuola deve poter essere considerato italiano.

Ora. Non è che Zingaretti è salito sul palco e ha fatto una tirata di un’ora sullo ius soli e lo ius culturae. No. Ha parlato di tante cose – di investimenti, di lavoro e di parità salariale.

Ma di tutto questo i miei colleghi giornalisti (tanti eh, non solo i sovranisti) hanno estrapolato solo questo passaggio. E l’hanno messo online. E poi sono andati in giro a chiedere ad altri politici: “Zingaretti vuole lo ius culturae. Che cosa ne pensate?” 

Tutti han detto la loro – come da copione.

AUDIO 

Di Maio (0:50)

Boschi (1:48)

Centinaio (0:42)

A parte quelli che dicono che ci sono 800 mila “falsi italiani” in arrivo le posizioni sembrano essere due: ci sono altre priorità e “Beh, se quello ha detto che ci sono altre priorità…”

Ora… sarebbe facile dire: ma perché Zingaretti non se ne è stato zitto? Lo sa che se parli di immigrazione da sinistra perdi voti, no? 

E invece per una volta il segretario sembra aver espresso un’idea che va per la maggiore. I sondaggi ci dicono infatti che più della metà degli italiani è favorevole allo ius culturae. Gli stessi sondaggi dicono però anche che la maggior parte degli italiani non considera la questione della cittadinanza prioritaria. 

E in effetti come dargli torto: loro sono italiani. In base a questa logica non servirebbero neanche leggi sulle barriere architettoniche – la maggior parte degli italiani non è disabile – e nemmeno una legge per la tutela dei minori – la maggioranza degli italiani ha infatti più di 30 anni. Ma sapete: questo è il brutto dei diritti. Molto spesso riguardano gli altri.

E siccome agli italiani della questione pare non fregargliene un granché la riforma della legge sulla cittadinanza è in circolazione da più anni della maggior parte dei suoi potenziali beneficiari.

La prima proposta di riforma della legge sulla cittadinanza del ’92 è stata infatti avanzata in Italia 16 anni fa. Da allora si sono susseguite varie bozze tra cui una legge di iniziativa popolare nel 2007. 

Ci siamo andati vicini nel 2015, quando la Camera ha approvato il testo sul cosiddetto ius soli temperato. In base a questa proposta potevano richiedere la cittadinanza italiana i figli di cittadini extracomunitari di cui almeno uno avesse vissuto in Europa per almeno cinque anni e avesse un reddito sufficiente a ottenere un permesso di lungo periodo. Anche in questa proposta era contenuto lo ius culturae, cioè la cittadinanza per chi ha compiuto un ciclo di studi in Italia. 

Io però non sono qui per parlare di proposte di legge. Non sono un giurista e se volete conoscere i dettagli del testo potete leggervi alcune analisi e commenti presenti in rete – trovate i link nel nostro blog. 

Io sono più interessato a capire perché questo dibattito sembri avvitarsi su se stesso da almeno un decennio. 

Allora. Partiamo dai fondamentali.

Centinaio della Lega dice che lo ius soli e lo ius culturae creano dei falsi italiani. E allora mi viene da chiedere: chi sono i veri italiani? 

A parte, s’intende, quelli colla chitarra in mano cantati da Toto Cutugno.

La risposta ufficiale è: chi è nato da genitori italiani. Giusto. E questi genitori italiani sono veri italiani se anche i loro genitori erano italiani. E così via a ritroso. Si chiama ius sanguinis – il diritto del sangue – e detto così sembra una roba antichissima, iscritta profondamente nel nostro DNA collettivo. 

Peccato che poco più di 150 anni fa di veri italiani con sangue italiano non ce ne fosse neanche uno.

E vabbè. Allora erano tipo piemontesi, toscani, siciliani. Poco importa: I veri italiani sono eredi di generazioni e generazioni che hanno abitato la penisola italica per secoli e secoli. Generazioni che hanno formato nel tempo un forte vincolo di appartenenza – suggellato da lingua, usi, costumi e religione comune. Un vincolo che ci rende parte dell’indomita, immarcescibile, irrefutabile, insigne e ignifuga stirpe italica.  

Mh. Peccato che l’idea che la cittadinanza sia legata al sangue, alla stirpe, abbia poco più di due secoli. E la dobbiamo a un giurista francese e a uno strano pastrocchio legislativo. 

Ma prima un po’ di storia. Nell’antichità se uno ti chiedeva di dove sei era probabile che rispondessi col nome della città in cui eri nato. Non a casa parliamo di Aristotele di Stagira, Agostino di Ippona, Tommaso d’Acquino eccetera… 

Cicerone aveva un bel motto: patria est ubicumque bene. La patria è dove stai bene – che è un concetto così banale che potrebbe averlo scritto Jovanotti. Pero alla fine è un concetto con cui possiamo essere d’accordo quasi tutti no? La patria colla p maiuscola è – o meglio dovrebbe essere – il luogo in cui ci sentiamo a casa. La casa di tutti. 

Solo che, come ogni casa, anche la patria ha una porta e dei muri. E uno può essere fuori o dentro. E più la casa è grande, più difficile diventa definire dove comincia e dove finisce.

Il problema si pone per la prima volta colla nascita degli imperi – tipo l’impero persiano, quello alessandrino, quello romano: chi paga le tasse e chi no? E chi difendiamo se – per dire – arriva un esercito nemico? E così l’imperatore romano Caracalla nel terzo secolo dopo Cristo ha detto basta: tutti quelli che sono nati sul suolo dell’Impero Romano sono cittadini romani. Il diritto del suolo. Ius soli. Punto. 

E questa è rimasta la regola di riferimento in Europa per tutto il Medioevo, Rinascimento e un pezzettino di età moderna. Fino a Napoleone. Quando si trattò di varare il Codice Napoleonico all’inizio del ‘800 nacque infatti un aspro dibattito tra vari giuristi sulla domanda: chi è cittadino francese? La risposta dello stesso Napoleone era – per abitudine: chi è nato in Francia.

Eh no, dissero alcuni giuristi. E se uno d’un altro paese fa un figlio in Francia e poi scoppia una guerra con quest paese? 

Non solo: Un tale Siméon fece una furiosa tirata sul fatto che dare la cittadinanza a chi nasceva in Francia equivaleva a “infettare” il paese col germe del vizio. Infettare – come se lo Stato fosse un organismo e queste persone dei batteri.

Detto oggi sembra banale. Ma allora non lo era, perché proprio in quel periodo stanno nascendo nel mondo scientifico due discipline che, intrecciandosi, consolidano la metafora dello Stato-organismo da salvaguardare rispetto alle infezioni esterne: la microbiologia e la teoria delle razze. La prima ipotizza che vi siano piccolissimi organismi in natura – alcuni utili, altri dannosi. L’altra fa piu o meno lo stesso, ma cogli uomini.

E il giurista Siméon, che pochi anni dopo il dibattito in questione si sarebbe opposto con forza alla liberazione degli schiavi in quanto – diceva – creature indegne della libertà, è un promotore di questa idea. 

Com’è come non è… alla fine l’Assmeblea Costituente decise di tenere entrambi i regolamenti. Solo che quando il testo finale della Costituzione fu approvato nel 1803, lo ius soli sparì dalla bozza definitiva. 

Il Code Civil francese divenne negli anni successivi il modello su cui vari paesi europei, tra cui l’Italia, costruirono il loro diritto civile. E così lo ius sanguinis, il diritto del sangue, divenne la nuova regola. 

Ma non dappertutto. In quasi tutto il continente americano vige tutt’ora lo ius soli. In generale senza limitazioni di sorta. Negli Stati Uniti lo ius soli è regolato dal 14esimo emendamento della Costituzione e – nonostante ripetuti tentativi di limitarlo – incarna fino ad oggi un principio fondamentale della Nazione americana – quello enunciato in modo sublime dalla poetessa Emma Lazarus nell’epitaffio della Statua della Libertà: “datemi le vostre genti stanche e i vostri poveri che anelano alla libertà”.

Ora. Uno può dire: nel 1868, quando fu approvato il 14esimo emendamento, era difficile andare in America – bisognava prendere il piroscafo come i nostri bisnonni – e non c’erano le migrazioni di massa come oggi. 

E non c’era neanche quello che oggi chiamiamo il “turismo delle nascite” – cioè donne che vanno in America o in Canada solo per partorire e così avere figli americani. I numeri sono piuttosto incerti ma pare che siano parecchie decine di migliaia di bimbi ogni anno.

Altolà – dice il difensore della patria – allora riconosci che c’è gente che sfrutta lo ius soli per conquistare un paese con un esercito di neonati.

Sì. Ma bisogna anche qui guardare all’immagine nel suo insieme. 

Primo: i turisti delle nascite sono soprattutto persone abbienti che possono permettersi il viaggio e le ingenti spese ospedaliere. Di questi tempi sono soprattutto giovani famiglie cinesi.

Secondo: lo ius soli non è solo un dispositivo di inclusione sociale. È uno strumento di controllo.

Aspetta. Hai detto controllo? Noto che ho la tua attenzione, amico sovranista. Ebbene sì. Secondo alcune stime se gli Stati Uniti dovessero veramente buttare nel cestino lo ius soli – come vorrebbe il tuo amico Donald Trump – il paese si troverebbe con 5 milioni in più di immigrati irregolari – scusa: di clandestini – entro il 2050.

Questa è anche la ragione per cui vari paesi europei tra cui Germania, Grecia e Francia hanno introdotto forme di ius soli temperato negli ultimi decenni. 

Perché in questi paesi ci sono ormai varie generazioni di persone che pur vivendo e lavorando nel paese, pur parlando la lingua come lingua madre e pur avendo frequentato con profitto scuole e università nazionali non possono viaggiare come i loro colleghi, non possono fare determinati lavori come ad esempio il soldato o il poliziotto e non possono votare.

Anche se non ti piacciono gli immigrati, amico sovranista, sarai d’accordo con me che se Ibrahim della sezione progettazione non può venire al meeting con i partner norvegesi perche ha di nuovo problemi col visto è una bella rogna.

E vabbè, mi dirai. Già ora Ibrahim se ci tiene può fare domanda di cittadinanza quando compie 18 anni. Se non lo fa saranno cazzi suoi e della sezione progettazione.

Il fatto è che – come ha scritto bene il collega Braham Maarad dell’Espresso che ne sa qualcosa – fare richiesta di cittadinanza non è esattamente una passeggiata. Per prima cosa devi tornare nel tuo paese d’origine – un paese che molti immigrati di seconda generazione non hanno mai visto. Qui bisogna trovare un pacco di documenti che chiunque sia mai stato in un ufficio pubblico in Albania, Ghana o Pakistan può dirti solo “Auguri” – quando gli archivi non sono stati naturalmente bombardati. Poi bisogna controllare che tu non abbia avuto problemi colla legge. Cosi il joint fumato al parco a sedici anni – parlo per un amico – può diventare un serio problema. E così via.

Per tutti questi motivi è strano che proprio tu, amico sovranista, ti pronunci in maniera così accesa contro lo ius soli. Non vuoi un’immigrazione regolata in modo ferreo? Ecco. Lo ius soli è anche uno strumento di regolazione. 

Senza contare che così come è concepito, lo ius soli – diciamo – all’europea pone delle limitazioni fortissime all’acquisizione della cittadinanza – tipo residenza permanente da parecchi anni e completamento di un ciclo di studi. Quindi, anche volendo, uno per fare il “turista delle nascite” in Italia deve trasferirsi da noi per cinque anni, trovare un lavoro, avere un reddito fisso… Alla fine è meno un turista e più un immigrato regolare.

E poi, caro amico sovranista, tu che parli di 800.000 “falsi” italiani… lo ius culturae servirebbe sì e no a 170.000 ragazze e ragazzi, mentre da quello che abbiamo visto in altri paesi tipo lo Germania, probabilmente meno della metà degli aventi diritto farebbe realmente domanda. Male che vada ti ritrovi con neanche mezzo milione di falsi italiani – a fronte di più di 10 milioni di veri stronzi che votano come te.

Mi stai facendo venire un sospetto, amico sovranista. Che in realtà a te della questione della cittadinanza non te ne frega niente. A te non ti va semplicemente bene che ci siano ragazze e ragazzi che si chiamano Naima, Abdul, Adina, Olga, Carlos, Kim o Moussa che quando te gli dici “Tornatene a casa tua” ti rispondono con un sorrisetto beffardo “Questa è casa mia”.

Tu, amico sovranista, dici volentieri che non sei razzista e non sei nemmeno contro l’immigrazione. Sei contro l’immigrazione illegale. Ma quando gli immigrati sono regolari, bene integrati, hanno un lavoro e contribuiscono al benessere del nostro paese non hai niente in contrario no?

Ecco: sarai contento di sapere che vari studi hanno dimostrato che le persone con un retroterra di migrazione che hanno la cittadinanza del paese in cui vivono si integrano molto meglio. Questo vuol dire che gli stranieri naturalizzati è più probabile che abbiano un lavoro, un reddito più alto e un più alto livello di istruzione – equiparabile a quello di chi ha la cittadinanza iure sanguinis. 

E c’è un altro aspetto interessante: i dati del ministero dell’Istruzione italiano ci dicono che i figli di stranieri che hanno iniziato a andare a scuola dalle elementari in Italia raggiungono risultati scolastici praticamente identici a quelli dei figli di italiani. 

Non solo: i figli di stranieri proseguono sempre più spesso negli studi anche dopo la fine della scuola dell’obbligo. E se anche è vero che una netta maggioranza di figli di stranieri continua a frequentare soprattutto gli istituti tecnici e professionali è anche vero che il numero di liceali senza passaporto italiano è in fortissimo aumento.

Ah già… E per quelli che dicono che gli immigrati non possono diventare italiani perché vengono da culture retrograde in cui le donne – per dire – vengono pesantemente discriminate… Ecco… Tre quarti delle ragazze straniere in Italia proseguono gli studi oltre la scuola dell’obbligo contro solo il 60 per cento dei maschi. Molte di loro vanno anche all’università. Il che vuol dire che la classe dirigente con un retroterra di migrazione di domani è donna.

“L’Italia è la mia casa, cosa altro potrei dire?” dice Diana Bota, una ragazza di origine ucraina intervistata da Repubblica dopo il blocco dell’iter per la legge del 2015. Diana ha fatto il liceo classico e studia lingue all’università. “La doccia fredda arriva quando diventi maggiorenne”, dice, “perché capisci davvero di non appartenere a questo Stato, perché non puoi votare, non puoi partecipare a concorsi pubblici anche se magari avresti un punteggio eccellente”. 

Ecco. L’Italia è la sua casa. Ma a volte deve sembrarle un po’ una casa stregata. 

Naika Foroutan, una sociologa tedesca di origini iraniane che conosco molto bene, ha detto una volta – parafrasando: la gente non se la prende cogli immigrati quando questi arrivano colle pezze al sedere. No gli immigrati diventano un nemico quando cominciano a diventare meglio di noi.

E così, amico sovranista, comincio a credere che il tuo problema non sia di impedire l’invasione dei poppanti o di garantire la purezza culturale della nostra amata patria. No. Il tuo problema è che hai paura di passare di moda. E hai paura che domani la frase “Tornatene a casa tua!” pronunciata contro un medico, un avvocato, un architetto, un poliziotto, venga accolta da grandi risate.

E questa casa stregata che tu, col solerte aiuto di parlamentari di destra e di sinistra, hai costruito per questi bambini e ragazzi somiglia un po’ al castello di quel famoso racconto di Oscar Wilde, “Il Fantasma di Canterville”. In cui una famiglia di immigrati invasori si prende gioco dei goffi tentativi d’un vecchio fantasma d’altri tempi che cerca inutilmente di spaventarli.

Il fantasma stavolta sei tu. Giusto per capirci.

In conclusione: tre idee per uscire da questa inutile e stupida spirale.

Primo: Cambiare nome a sta cosa. Ius soli e ius culturae hanno un sapore orrendamente legalistico, come ha correttamente rilevato anche Nando Pagnoncelli sul Corriere della Sera. Ho un’ idea: chiamiamolo “Diritto alla cittadinanza”. O anche “Diritto a sentirsi a casa”.

Secondo: Le questioni di diritti non conoscono scadenze. Era già tardi ieri. Quindi basta tergiversare.

Terzo: basta parlare. C’è un testo? Si va a votare. Viene respinto? Si presenta un nuovo testo. 

Se qualcuno deve parlare di diritto alla cittadinanza che siano queste ragazze a questi ragazzi – o le iniziative che li rappresentano come l’associazione G2. Sono loro i migliori architetti per quella che sarà la nostra casa del futuro. Repubblica l’ha già fatto con un video meraviglioso in cui parlano 15 bambini – scusa, amico sovranista – 15 falsi italiani. Andatelo a vedere. Spiega davvero ttutto. ah… e poi postatelo sui profili Facebook e Twitter di Gian Marco Centinaio. Hashtag #italianiveri.

VIDEO

Letture utili:

Flavio A. Ceravolo e Stefano Molina, Dieci anni di seconde generazioni in Italia

Roberta Ricucci, Presente e futuro delle seconde generazioni fra integrazione e riconoscimento giuridico

Standard
Articoli

La casa, Ep. 9

Abbonati al podcast

“Patria est ubicumque est bene” (Cicerone)

Qui si parla di ragazze e ragazzi, lasciati soli. Senza ius.

Scritto da Fabio Ghelli

Prodotto da Federico Bogazzi e Fabio Ghelli

Musiche di:

Standard
Episodi

Fantasmi, Ep. 8

Abbonati al podcast

Sono presenze silenziose, quasi invisibili di cui si parla malvolentieri.

Eppure senza di loro non potremmo vivere.

Qui si parla di fantàsime immaginarie e veri fantasmi.

Scritto da Fabio Ghelli
Prodotto da Federico Bogazzi

Musiche di:

Standard
Articoli

L’uomo nero, i testi della settima puntata

Lisa è una studentessa tedesca di 27 anni che abita vicino a Colonia. La sera del 31 dicembre 2015 prende il treno insieme a un amico e arriva in centro a Colonia poco dopo le nove. Uscendo sulla piazza principale – uno stretto triangolo incastrato tra la facciata di vetro della stazione, un palazzone neoclassico e il portale gotico del Duomo – Lisa vede subito che c’è molto movimento. 

Soprattutto ci sono ragazzi di aspetto straniero. Forse arabo. Non le pare niente strano: del resto questo è l’anno in cui la Germania ha accolto quasi un milione di richiedenti asilo provenienti dalla Siria, dall’Irak, dall’Afghanistan. 

Ma c’è un’atmosfera un po’ particolare. Sono appena le nove e già il fuoco di mortaretti è costante. I ragazzi stranieri si lanciano addosso i petardi e bevono. Bevono parecchio.

https://www.spiegel.de/spiegel/koelner-silvesternacht-rekonstruktion-der-chaos-nacht-a-1126329.html

Lisa e il suo amico non ci pensano su troppo. Procedono in direzione del fiume Reno, dove vogliono festeggiare il nuovo anno a bordo di una barca. 

Quando verso mezzanotte e mezzo ritornano verso la stazione si stupiscono nel vedere un numero impressionante di persone nella piazza antistante. 

La polizia ha da poco bloccato il traffico ferroviario perché la situazione nella piazza sta degenerando: il poco spazio è stracolmo di gente. C’è un clima teso. Alcune persone si allontanano di corsa. Ci sono ragazze che piangono ai lati della piazza. 

Nel mezzo del putiferio ci sono loro: i ragazzi stranieri di prima. Sono diventati ancora di più – qualcuno dice che potrebbero essere un paio di migliaia. Sono aggressivi. Accerchiano le ragazze in gruppo. Le toccano. Infilano le mani nelle borse – e sotto le gonne. La poca polizia presente non riesce a reagire. Poco dopo mezzanotte la piazza viene sgomberata a forza.

Ma la calca continua a crescere. Molte persone vogliono prendere il treno. Andare via. Anche Lisa e il suo amico cercano di passare. Vanno da un poliziotto: “Ma non fate niente?” – chiedono. Il poliziotto allarga le braccia. E così cercano di passare lo stesso, infilandosi nella calca. 

Lisa racconta di mani che si protendono da ogni direzione e la toccano, la strattonano, cercano di strapparle i vestiti. Le persone intorno a lei si fondono in una massa unica – una massa affamata, tentacolare. Solo con molta fatica riesce a raggiungere i binari. Un’ora dopo, seduta sul treno, mentre vede le luci di Colonia sfilare accanto a lei, il groppo che le stringe la gola si scioglie finalmente e comincia a piangere.

https://www.spiegel.de/spiegel/koelner-silvesternacht-rekonstruktion-der-chaos-nacht-a-1126329.html

Colla notte dell’ultimo dell’anno del 2015 a Colonia la Germania di Angela Merkel – ha detto qualcuno – ha perso l’innocenza. 

Nei quattro mesi precedenti il paese era sembrato in preda a una rara euforia di solidarietà: migliaia di persone affollavano le stazioni e i centri di raccolta per rifugiati a Monaco, Berlino, Amburgo. Portavano coperte, vestiti, panini. 

Dopo i fatti di Colonia è calato il gelo. E non è difficile capire perché.

L’idea di quella massa di uomini che attorniano e aggrediscono con violenza cieca donne e ragazze provoca un moto di repulsione. 

E poco importa che le dinamiche di quella notte non siano di fatto mai state chiarite. Poco importa che – nonostante le più di 1.300 denunce – alla fine una cinquantina di uomini siano stati processati – quasi tutti per borseggio. Di loro una trentina sono stati condannati. Poco importa che gli imputati alla fine non fossero nemmeno siriani o iracheni ma più che altro algerini e marocchini. 

La notte di Colonia è comunque uno spartiacque storico. In parte perché questo è il momento in cui l’odio contro i rifugiati si coagula e scoppia in modo violento con una serie di attacchi a centri di accoglienza e cittadini stranieri. In parte perché è da qui che parte la rincorsa dell’Alternativa per la Germania che la porterà – primo partito di estrema destra del Dopoguerra – a entrare in Parlamento.

Forse in realtà è proprio perché alla fine i colpevoli sono rimasti una massa senza volto, un essere composto solo da mani – avide, vogliose, violente – che Colonia è diventata un simbolo. Quell’ombra tentacolare composta da tanti uomini di colore è diventato l’incarnazione di una paura profonda – una paura che attanaglia ogni società organizzata: la paura di perdere il controllo.

***

Ok. Piccolo disclaimer per cominciare. Stavolta mi toccherá parlare parecchio di statistiche e numeri, che giá uno fa fatica a leggerle – figuriamoci ascoltarle. 

Quindi abbiate pazienza. 

Cominciamo. E cominciamo bene.

Audio (Trump)

Questo, forse ve lo ricordate, è Donald Trump nel discorso che ha cambiato il corso delle primarie repubblicane nel 2015. Con questo discorso Trump è passato di colpo in testa ai candidati Repubblicani alla presidenza. E gli osservatori dicono che questo successo ha molto a che fare col suo esordio, in cui Trump – fedele al suo stile – dice pane al pane: “Il Messico ci manda gente con un sacco di problemi e ci portano i loro problemi. Ci portano la droga. Ci portano la criminalità”.

Ecco… Fermiamoci qui. Si può dire che gli immigrati portano la criminalità? 

Cioè… è vero che più immigrati ci sono, meno sicuri siamo? E’ un vecchio cavallo di battaglia della destra. Anche in Italia sempre più persone – di destra e di sinistra – sembrano essersi convinte che sia così. E come fanno a saperlo? Beh… L’esperienza…

E in effetti… Pensiamo alla provincia agricola del Sud coi caporali, ai quartieri-ghetto delle grandi città, ai giardinetti di periferia – a ogni luogo in cui si respira un’accentuata tensione sociale. Da vent’anni a questa parte questi luoghi già di per sé marginali, abbandonati a se stessi si sono riempiti di persone provenienti da vari paesi – soprattutto uomini, soprattutto giovani e soprattutto poveri. 

Pensionati, giovani disoccupati, immigrati si trovano così a condividere uno spazio di confine, uno spazio precario – in cui spesso, apparentemente, le leggi dello Stato non contano più. Uno spazio fuori controllo.

Si può negare che gli spacciatori al parco, i borseggiatori del centro o magari i semplici ubriachi che pisciano sui muri siano in molti casi stranieri?

Pensate a una vecchietta che abita alla Romanina, a Quarto Oggiaro o all’Isolotto di Firenze, sale sull’autobus e che cosa vede? Immigrati africani, sudamericani, magrebini – da soli o in gruppo – seduti in pose scomposte. Parlano tra loro a voce alta – o gridano in un cellulare. E che cosa gridano? Il fornitore di droga gli ha tirato un pacco? O invocano l’ira di Allah sui demoni occidentali? Boh. Chi lo sa?

E allora la vecchietta si ritira vicino all’autista colla sua borsa della spesa e getta occhiate timorose verso questi ragazzoni che – letteralmente – hanno invaso il suo spazio. 

Si può biasimarla se poi vota Lega?

Una cosa che ho imparato a forza di occuparmi di numeri e di statistiche è che l’esperienza personale è un po’ come il giochino della foto misteriosa in cui devi indovinare un soggetto fotografico da un dettaglio. Il dettaglio è chiaro e visibile. Ma ancora non sai che cosa hai davanti. Per vedere l’insieme bisogna fare un passo indietro.

Vedete: il nostro cervello ha una brutta abitudine e cioè quella di cercare nessi, strutture – anche dove non ce ne sono – per farsi un’idea della situazione. E non è detto che l’idea sia giusta.

L’immigrato che urla nel cellulare, per dire, magari sta parlando con un paesino della Nigeria che c’ha una rete di merda. Ma la vecchietta non lo sa. 

Di questi ragazzoni rumorosi sa solo quello che dice la televisione. E che dice la televisione?

https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/quintacolonna/giorgia-meloni-il-problema-immigrazione-e-la-sicurezza_F308790801004C08

Questa è Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia, che parla dell’omicidio, ormai ben noto, di una ragazza di 18 anni che si chiamava Pamela Mastropietro da parte di un 29enne nigeriano a Macerata. E di questo tipo di notizie i giornali e le televisioni italiane sono pieni – da anni. 

https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/quintacolonna/violenza-ad-asti_F308544901014C05

Sono notizie terribili. E nessuno vuole che accadano questo tipo di cose. Certo – pensa qualcuno – se non ci fossero gli immigrati probabilmente queste cose non capiterebbero. O capiterebbero meno.

Beh… non proprio. Perché se c’è una cosa che le statistiche ci dicono molto chiaramente è che, mentre negli ultimi 10 anni il numero di stranieri in Italia è quasi raddoppiato – da 3 a 5 milioni – il numero dei delitti – cioè dei reati più gravi tipo furti, violenze, stupri e omicidi – è calato. Rispetto a 10 anni fa si contano 250.000 delitti in meno l’anno.

Calano suprattutto i crimini gravi: omicidi, violenze, stupri, scesi del 20 per cento in 10 anni e anche le rapine – calate del 30 per cento. Fanno eccezione i furti in appartamento – in parte perché, a quanto pare, ci sono bande organizzate che agiscono a livello europeo. 

Quindi sì: ci sono molti più immigrati in Italia. E la vecchietta può sentirsi intimidita. Però di fatto oggi è meno probabile che venga rapinata o ammazzata rispetto a 10 anni fa.

Ma così è troppo facile. Magari gli italiani sono diventati semplicemente più onesti. O gli stranieri hanno assunto il monopolio della criminalità.

Audio Santanché https://www.youtube.com/watch?v=XqDeJ88Y3i0

Questa è Daniela Santanché, ex Forza Italia, adesso anche lei Fratelli d’italia. E mi dispiace dirlo ma mi sa che c’ha proprio ragione. Ci sono studi – anche molto seri – che dicono che in proporzione gli stranieri delinquono più degli italiani.

Stiamo parlando del cosiddetto tasso di criminalità, che vuol dire quante persone in un determinato gruppo commettono o hanno commesso reati. 

Uno studio dell’Istat del 2017 ci dice per esempio che il tasso di criminalità per gli italiani si aggira intorno all’un per cento. Se quindi metto cento persone a caso in una stanza, solo una avrà probabilmente la fedina sporca. Se queste persone però sono stranieri è probabile che cinque di loro abbiano già avuto problemi colla legge.

https://www.ilsole24ore.com/art/reati-stranieri-l-allerta-viminale-AEHr3naC

Non solo: le statistiche ci dicono anche che più di un terzo dei detenuti nelle carceri italiane sono stranieri. A fronte di una percentuale di stranieri nella popolazione complessiva intorno al nove per cento… beh… pare che gli stranieri facciano di tutto per farsi sbattere dentro.

Allora la Santanché e la Meloni hanno ragione: gli stranieri sono più portati a delinquere degli italiani.

Solo che ci sono un paio di problemi con questa conclusione.

Primo: Noi sappiamo quanti italiani ci sono perché sono iscritti all’anagrafe, ma non sappiamo quanti stranieri vivono in Italia. 

Perché molti stranieri vivono qui irregolarmente – i cosiddetti clandestini. Ed è un gruppo molto importante quando parliamo di criminalità. Vedremo subito perché. 

Persino il ministro dell’Interno non sembra avere un quadro della situazione: prima delle elezioni del 2018 diceva che erano più di mezzo milione – un anno dopo le elezioni dice che sono diventati 90.000. Qualcosa non torna.

Non è quindi possibile stabilire un vero rapporto percentuale tra imputati stranieri e popolazione immigrata.

In più ci sono gli stranieri che vengono arrestati o denunciati in Italia ma non vivono qui – turisti o persone di passaggio.

Secondo: dal 2009 gli immigrati clandestini solo per il fatto di essere in Italia già commettono un reato. Stiamo parlando di 5.000 denunce l’anno. E queste denunce pesano solo sulla bilancia dei crimini degli immigrati.

Terzo: ci sono gruppi di persone più o meno rilevanti per le statistiche sulla criminalità. Bambini e anziani, per dire, hanno un tasso di criminalità vicino allo zero. Eppure contano lo stesso nel calcolo del tasso – cioè della percentuale di delinquenti sul totale della popolazione.

Secondo voi, chi è più propenso a commettere un crimine: un neonato, la vecchietta della Romanina di cui parlavo prima o un uomo tra i 20 e i 40 anni?

Giusto. Se infatti prendo un gruppo di cento vecchiette una o forse meno ha commesso qualche reato. Se invece riempio una stanza di cento giovanotti e uomini tra i 20 e i 40 ho buone probabilità di beccare tra 8 e 10 criminali. 

https://www.istat.it/it/files/2017/10/Delitti-imputati-e-vittime-dei-reati.pdf

http://www.istitutoeuroarabo.it/DM/immigrazione-e-criminalita-pregiudizi-dati-e-interpretazioni-2/

E secondo voi tra gli immigrati in Italia ci sono più vecchiette o più uomini tra i 20 e i 40 anni?

Quarto: persone socialmente svantaggiate sono più propense a compiere crimini. Uno straniero guadagna in Italia in media la metà di quello che guadagna un italiano. Ci sono quindi molti più stranieri poveri che italiani poveri – checché ne dicano i vari tribuni del popolo. 

https://www.arcgis.com/apps/MapJournal/index.html?appid=5508484140a84023a1e2d8b080e14d0a

E come diceva Aristotele? La povertà è la madre del crimine. Un’indagine condotta in Svezia ha dimostrato che persone appartenenti agli strati più indigenti della società hanno una propensione al crimine fino a sette volte più spiccata rispetto agli appartenenti al ceto medio.

Tutto questo per dire che sì, in proporzione gli stranieri commettono più reati degli italiani – ma a parità di sesso, età e reddito la differenza si riduce considerevolmente.

https://www.redattoresociale.it/article/notiziario/ec8b42ae-4e31-4a65-840d-7d3003c668d7

http://www.famigliacristiana.it/articolo/gli-immigrati-delinquono-di-piu-falso.aspx

Quinto: gli stranieri – specialmente di colore – vengono fermati e controllati dalla polizia molto di più degli italiani. Si chiama “racial profiling” (profilo su base razziale) ed è una cosa che, stando ai dati dell’Osservatorio Europeo sul Razzismo, fanno regolarmente tutte le polizie d’Europa. 

L’ultima rilevazione del fenomeno per l’Italia risale al 2011 e all’epoca si parlava di autentici raid di polizia alle fermate dell’autobus e nelle stazioni – con controllo di tutte le persone di aspetto esotico. E da allora la situazione non è migliorata. 

Un dato che può servire a capire il fenomeno: la ndrangheta calabrese è il principale gestore del mercato della droga al mondo. Stiamo parlando di calabresi, quindi italiani. Cosa Nostra e Camorra sono a loro coinvolte nel traffico di stupefacenti. Eppure in Italia il tasso di denunce per droga tra gli italiani non arriva all’un per cento. Tra gli stranieri è cinque volte più alto. Ora… Non dico che gli stranieri non spaccino. Dico solo che forse gli spacciatori africani al parco sono un pochino più esposti di chi gli fornisce la roba.

In conclusione: si può dire che gli immigrati commettano in proporzione più reati degli italiani? La risposta non può che essere un sonoro boh.

Cioè: non si può dire che gli immigrati siano più propensi al crimine. E, per essere onesti, non si può dire nemmeno il contrario. Al limite si può dire che questi immigrati sono più propensi a figurare nelle statistiche sulla criminalità: maschi, giovani, poveri, magari di colore.

Ah! E irregolari, cioè clandestini. Sì, perché secondo uno studio di Confcommercio – uno studio che, va detto per inciso, sembra confermare la teoria che gli immigrati sono più delinquenti – il 70 per cento dei crimini commessi da stranieri viene commesso da stranieri irregolari. Anche tra i detenuti stranieri quasi il 90 per cento sono irregolari.

http://www.confcommercio.it/documents/10180/3599445/Nota+descrittiva+su+criminalit%C3%A0%20e+immigrazione/dcd0881d-e752-430e-9f03-2efb5fdef9eb

Come abbiamo visto, nessuno sa di preciso quanti sono. Perché di fatto per lo Stato italiano non esistono: non possono lavorare, né andare a scuola e – nella maggior parte delle regioni italiane – nemmeno ricevere assistenza sanitaria. 

E quindi cosa fanno? Raccolgono i pomodori. O rubano e spacciano.

Sembra logico. E guardate che non è dire: poverini… non hanno altra scelta. No. E’ proprio un dato riconosciuto: Sociologi di diversi paesi e aree politiche – progressisti e conservatori, criminologi, teorici del controllo sociale – sono tutti d’accordo: più instabile è la condizione di uno straniero, meno possibilità ha. Meno possibilità ha, meno ha da perdere. E meno ha da perdere, meno gli frega di finire in galera. 

https://books.google.de/books?id=0qh5AgAAQBAJ&printsec=frontcover&dq=immigration,+social+integration+and+crime:+a+cross-national+approach&hl=de&sa=X&ved=0ahUKEwiWh-uJ6qrjAhW_w8QBHSVcC-AQ6AEIKzAA#v=onepage&q=immigration%2C%20social%20integration%20and%20crime%3A%20a%20cross-national%20approach&f=false

https://mediendienst-integration.de/artikel/kriminalitaet-jugendliche-migrationshintergrund-maennlich-delinquenz.html

Per evitare che gli stranieri delinquano ci sono quindi due strade: sbatterli fuori o fornire loro un’alternativa – un lavoro, un’istruzione, un futuro. Insomma integrarli.

Sbatterli fuori non ha funzionato granché: le espulsioni sono infatti invariate – anzi, sono persino leggermente calate col governo giallo-verde. Si parla di meno di 7.000 espulsioni l’anno.

https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/migranti-irregolari-quando-ne-ha-rimpatriati-salvini-8-mesi-governo/accb467e-3c37-11e9-8da9-1361971309b1-va.shtml

Sarebbe quindi sensato puntare sull’integrazione.

Sarebbe…

Questo è il solito ministro dell’Interno Matteo Salvini che spiega come il suo primo decreto sulla sicurezza voglia far rispettare le leggi. Interessante, perché coll’abolizione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari quello stesso decreto ha prodotto un aumento del numero di illegali, irregolari, clandestini stimato tra 60.000 e 140.000 persone. Persone che, come abbiamo visto, hanno adesso una propensione molto più forte a commettere reati.

https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/i-nuovi-irregolari-italia-21812

Non solo. Lo stesso decreto ha anche smantellato il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) che forniva di fatto l’unico percorso per l’integrazione linguistica e lavorativa dei richiedenti asilo.

Sembrerebbe quasi che qualcuno voglia creare le premesse per un’escalation di criminalità immigrata. Magari per giustificare la necessità di un leader capace di gestire l’emergenza sicurezza, magari impegnando di più la polizia, magari limitando un pochino le libertà personali… Un uomo forte, un condottiero, un… com’è la parola tedesca?

https://www.youtube.com/watch?v=aOm4d8NeE3A (2:16)

Ah… Giusto per essere chiari. Questo non lo dico io o qualche altro radical chic amico di Soros. Lo dicono esponenti del Terzo Settore e delle associazioni cattoliche che lavorano proprio in quelle periferie disagiate con ragazzi sempre in bilico tra legalità e illegalità.

Sembra anche che in realtà tutto questo parlare di criminalità degli immigrati non sia tanto una questione giuridica, amministrativa – di sicurezza pubblica.

No. E’ una questione di difesa. Non a caso l’attuale ministro dell’Interno usa volentieri un linguaggio militaresco quando parla di immigrazione. L’attracco della Sea Watch nel luglio 2019 è un “atto di guerra”. E quando arrivano persone nei barconi noi dobbiamo “difendere i confini”. Perché – dice lui, il Capitano – è in corso una “guerra tra poveri”.

Ora… Spezziamo una lancia… a favore di Salvini. 

Nella storia dell’umanità i movimenti migratori di rado sono stati privi di conseguenze spiacevoli (per gli immigrati come per la popolazione autoctona). Si pensi alle cosiddette invasioni barbariche nell’impero romano o alla colonizzazione europea dell’Africa, delle Americhe… 

Semplificando molto, si può dire che per una buona parte della Storia umana questo tipo di movimenti migratori si accompagnavano quasi sempre a conflitti armati – a vere e proprie guerre. Da quando però esistono Stati nazionali con ordinamenti giuridici definiti i nuovi arrivati hanno meno la possibilità di imporsi colla forza delle armi. 

Il conflitto si sposta quindi sul piano dell’ordine pubblico. 

Questa è almeno la teoria che un gruppo di sociologi americani ha cominciato a sviluppare negli anni ‘20. Gli immigrati, dicono questi studiosi, vengono da contesti socioculturali molto diversi. Non necessariamente meno organizzati o meno rigidi dei nostri. 

Quando arrivano da noi non conoscono però ancora le regole che vigono nel nuovo contesto. E non sanno quindi che cosa si può fare e che cosa non si può fare. Si trovano – dicono i sociologi – in una condizione di “anomia” – che vuol dire “senza legge”. 

Ora… l’uomo ha la tendenza innata a darsi regole per vivere in gruppo. E che cosa succede quando tante persone accomunate da questa condizione si trovano insieme? Beh… finiscono per darsi nuove leggi – spesso in conflitto colle leggi che vigono nella società in cui sono inseriti.

Forse a questo punto val la pena notare che queste teorie sono state largamente sviluppate studiando l’immigrazione nelle grandi città americane a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Soprattutto l’immigrazione italiana – quella di Al Capone e Lucky Luciano, per capirci.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2831353/

Insomma… sì… gli immigrati possono essere un problema per la sicurezza. Specialmente se sono uomini soli, privi di quel controllo garantito dalle istituzioni e soprattutto da strutture di riferimento come ad esempio la famiglia. E questo può avere conseguenze molto gravi.

E qui torniamo a quella notte dell’ultimo dell’anno a Colonia.

AUDIO

Le violenze e le molestie sessuali provocano un profondo, viscerale senso di repulsione. E’ una delle forme più abiette e inumane di uso della forza.

Per questo le notizie di stupri e violenze sessuali ci fanno giustamente orrore. 

Anche in Italia i media hanno parlato – tanto – di violenze sessuali e stupri da parte di stranieri – con titoli come “Stupri e stranieri: non si può ignorare la realtà” e “Ogni giorno 11 stupri. In quattro casi su dieci l’autore è straniero”. 

Anche qui la stampa fa ampio ricorso alle statistiche. Una delle più citate è che quattro stupri su dieci che avvengono in Italia sono opera di stranieri. 

https://www.repubblica.it/cronaca/2017/09/01/news/stupri_violenza_dossier_viminale-174345967/

E allora vaffanculo Fabio! Che prove ti servono ancora. 4 su 10. Gli stranieri in Italia sono meno di 1 su 10. E allora basta col buonismo! Diciamolo una volta per tutte: tanti – non tutti ma sicuramente tantissimi – di questi immigrati sono bestie violente e aggressive che non hanno alcun rispetto per le donne. Anzi, per le nostre donne – come direbbe qualcuno. Quindi non devono stare qui. Raus.

Vedete però… Dei numeri è sempre bene non fidarsi. Anche di quelli che cito io. Per questo metto sempre i link alle fonti originali sul sito del podcast: www.m-podcast.it

Perché è sempre necessario andare a vedere la fonte e che cosa la fonte dice veramente. Sulla questione degli stupri degli stranieri lo ha fatto bene il giornalista David Puente. E gli va reso merito, perché è questione odiosa e riprovevole – e sicuramente non facile da gestire.

Nella sua analisi Puente ci dice che i dati sugli stupri degli stranieri vengono prevalentemente da due fonti: una rilevazione dell’Istat del 2015 e un rapporto del Viminale sulla violenza sulle donne del 2017. 

E che cosa dicono i dati? Dicono una cosa che, ahimè, sappiamo da tempo: la stragrande maggioranza delle violenze sessuali viene perpetrata da partner, amici, parenti e conoscenti. Stiamo parlando del 90 per cento degli stupri, del 70 per cento dei tentati stupri e del 97 per cento dei rapporti sessuali forzati con violenza.

Per cui… Quando uno legge 4 stupri su 10 sono opera di stranieri l’immagine che si forma nella mente è probabilmente quella di una donna – bianca – assaltata per strada da un uomo – nero. Giusto? Come il famigerato manifesto elettorale di Forza Nuova di qualche anno fa, ricordate? Quello colla scritta “Difendila!” Il manifesto che ritrae un soldato di colore che afferra con forza una donna bionda. Ecco… per inciso quello non è un immigrato. E’ un soldato alleato – guardacaso nero – che il fascismo alla fine della guerra cercava di dipingere come invasore e stupratore. 

https://www.osservatorioantisemitismo.it/articoli/nuova-campagna-anti-immigrati-di-ispirazione-neofascista-promossa-dal-movimento-di-estrema-destra-forza-nuova/

E invece gli stupri avvengono spesso a porte chiuse, in casa, tra le mura domestiche. 

Anche nelle case degli stranieri. Chi parla di violenza sessuale nel contesto dell’immigrazione farebbe bene a ricordare una cosa: sì, ci sono molti stranieri tra gli stupratori. Ma ci sono anche molte donne straniere tra le vittime: È più probabile che una donna straniera sia vittima di stupro in Italia che non una donna italiana. 

Per quanto orripilante sia parlare di numeri quando si tratta di violenze feroci, inumane, capaci di distruggere un’intera esistenza… 

Considerate solo questo dato: tre nazionalità spiccano tra le vittime. Sono le donne moldave, rumene e ucraine. Sono le badanti, le colf – in alcuni casi forse prostitute – ma in generale donne straniere, sole, chiuse in casa con uomini – uomini italiani.

Ecco. Tra loro più di una donna su tre è stata stuprata. Una su tre.

E questi sono solo i crimini denunciati. Nessuno sa di preciso quante violenze (sessuali e non) contro le donne avvengano quotidianamente dietro una porta chiusa. Si sa solo che in un solo anno i centri che accolgono donne vittime di violenza in Italia hanno ricevuto più di 50.000 segnalazioni: vuol dire una ogni dieci minuti.

E allora si capisce che chi parla volentieri degli stupri degli stranieri non ha in testa la sicurezza e l’incolumità delle donne – men che meno se dice le “nostre donne”.

Sta raccontando un’altra storia. Una storia riassunta molto bene dal manifesto elettorale col soldato nero di cui parlavo prima. E infatti – a prima vista – il soldato nero coll’immigrazione non c’entra granché.

Ma la storia in questione non è una storia di immigrazione. E’ una favola. O meglio una ninna nanna: ninna nanna ninna o questo bimbo a chi lo do, lo darò all’uomo nero che se lo tiene un anno intero. 

I tedeschi hanno addirittura un gioco per bambini che si chiama: chi ha paura dell’uomo nero?

Già. Chi ha paura dell’uomo nero? 

Alcuni studiosi hanno analizzato le reazioni del cervello di fronte a diversi fenotipi razziali – in parole povere: hanno studiato come reagiamo quando vediamo un un uomo o una donna bianchi oppure di colore. E guarda un po’: un uomo di carnagione scura, indipendentemente dal suo atteggiamento, viene visto generalmente come una minaccia – anche da altre persone di colore. 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2753983/

L’uomo nero è quello che persone più colte di me chiamerebbero un archetipo. E’ il moro. Il saraceno. Il barbaro. E’ il protagonista di una storia che alla fine è sempre la stessa. Una storia in cui lui è la minaccia da cui bisogna difendersi. Con ogni mezzo. 

Chi inneggia alla difesa – della patria, dei confini, delle “nostre” donne – dagli stranieri lo fa evocando scenari da conflitto armato. In cui tutti i mezzi sono leciti pur di respingere la minaccia.

E infatti, guarda un po’, sono spesso le stesse persone che – di questi tempi – usano lo stupro come arma di ritorsione contro donne disobbedienti, come l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, la capitana della nave umanitaria Sea Watch Carola Rackete o la madre di etnia rom a cui è stata assegnata una casa popolare.

Sono persone che auspicano, invocano, incoraggiano una condizione di caos, di anomia – una completa assenza di leggi civili e morali. E lo fanno, paradossalmente, nel nome dell’ordine – del controllo. 

Standard
Episodi

L’uomo nero, Ep. 7

Abbonati al podcast

Non sappiamo chi sia. Non sappiamo da dove venga. Non sappiamo che cosa voglia. Sappiamo solo che ci fa paura.

Qui si parla di immigrazione e criminalità.

Scritto da: Fabio Ghelli
Prodotto da: Federico Bogazzi e Fabio Ghelli

Musiche:

  • Hobocombo (www.hobocombo.bandcamp.com)
  • Himmelsrandt (www.himmelsrandt.com)

Canzone finale: L’Odio di Giromini Redelnoir

Standard
Testi

L’uomo lupo, i testi della sesta puntata

La fine di luglio del 2011 era stata piovosa a Oslo – una di quelle estati nordiche in cui ogni raggio di sole è un’amara consolazione. Forse per questo qualcuno ha pensato a un tuono quando, verso le tre di pomeriggio del 22 luglio, un boato ha scosso la città.

Invece era un furgone bianco caricato con quasi una tonnellata di fertilizzante esplosivo parcheggiato tra il palazzo del governo e il Ministero del Petrolio e dell’Economia. Otto persone sono morte nell’esplosione.

Polizia, pronto intervento e pompieri sono subito sul posto. I feriti vengono portati in ospedale, l’intero quartiere amministrativo viene fatto evacuare. A quanto pare ci sono altri ordigni sparsi per la città. Nessuno conosce il movente dell’attentato. Si parla di islamisti. La televisione invita tutti a restare in casa.

Circa due ore più tardi un uomo in uniforme si presenta all’imbarcadero di un traghetto a 35 chilometri della città. Al traghettatore dice di essere un poliziotto e di dover andare sulla vicina isola di Utoya per interrogare alcune persone in merito all’attentato. Sull’isola si sta svolgendo l’annuale meeting dei giovani del Partito Laburista Norvegese. L’uomo ha con sé diversi armi automatiche – niente di strano, pensa il traghettatore, visto lo stato di emergenza.

Arrivato sull’isola, l’uomo sale verso il campeggio dove sono radunati i partecipanti al meeting. Non appena vede i primi ragazzi, imbraccia il fucile.

Verso le cinque e mezzo l’uomo chiama la polizia dall’isola. Dice di chiamarsi Anders Behring Breivik e di essere un ufficiale del movimento di resistenza norvegese. “Ho compiuto la mia missione. Venitemi a prendere”, dice.

Intorno a lui ci sono i cadaveri di 77 ragazzi e ragazze.

Fonti: BBC e The Guardian

L’attentato di Oslo è il più sanguinoso attentato terroristico mai avvenuto in Norvegia e uno dei più efferati in Europa.

E perché? Che cosa ha spinto un 32enne taciturno e introverso che abitava ancora coi genitori a compiere una simile carneficina?

I motivi sono tutti contenuti in un Manifesto che Breivik ha pubblicato online poco prima di dare inizio all’attacco e che si chiama: “2083 – una dichiarazione di indipendenza europea”.

Sono più di 1.500 pagine. Una lettura pesante. Ma istruttiva.

La prima metà è una specie di mostruoso pastiche di articoli cuciti insieme da pezzi di blog della nuova destra anti-Islam e anti-immigrazione. Sono tirate furibonde contro l’Islam, l’Unione Europea, gli immigrati, le élite intellettuali, i leader di governo corrotti, le femministe – insomma, il tipico catalogo di nemici della nuova destra. Il filo conduttore è uno: la società e la cultura occidentale sono sotto attacco.

Da parte di chi? Secondo Breivik si tratta di un grande complotto di ispirazione marxista per creare uno Stato Islamico europeo chiamato Eurabia – perché, come e dove si configuri questo intreccio di Capitale e Corano non è dato sapere.

A più riprese Breivik parla però di genocidio dei popoli Europei :

“Ho scritto che quello che sta avvenendo in Europa occidentale è un sanguinoso genocidio. Ed è un genocidio a cui molti nativi europei stanno attivamente partecipando”. Suona familiare?

Nella seconda parte Breivik invece lascia da parte la teoria. In più di 700 pagine spiega con assoluta meticolosità come realizzare un attentato terroristico, partendo dalle fonti di finanziamento, passando per gli armamenti, fino alla scelta degli obiettivi. E dà consigli ad altri cavalieri templari – per usare le sue parole – che volessero seguirlo sul cammino della Guerra Santa.

“Una volta che decidi di colpire è meglio uccidere tante persone che non ucciderne troppo poche o si rischia di ridurre l’impatto ideologico dell’azione. Spiega bene quello che hai fatto (in un annuncio distribuito prima dell’azione) e assicurati che tutti capiscano che noi, i popoli liberi dell’Europa, colpiremo ancora e ancora”.

Più si va avanti nella lettura, più si ha l’impressione di essere lì, nella penombra della sua stanza in casa dei suoi genitori, e di osservarlo mentre, alla luce del monitor, naviga tra un blog della nuova destra, un catalogo di armi automatiche e una community per giochi online. E’ lì che è avvenuta la trasformazione – da nerd appassionato di armi e graffiti a qualcosa di diverso, di feroce e determinato.

In controluce il torrenziale Manifesto è però più di ogni altra cosa la trama di un film – un film che ha lo stesso Breivik come protagonista.

È un filmaccio d’azione che abbiamo tutti già visto: un eroe solitario in possesso di un pericoloso segreto cerca di mettere in guardia il mondo. Una potente organizzazione dal volto bonario – ma in realtà dai perfidi intenti – cerca di metterlo a tacere. Aiutato da pochi, fedeli alleati, l’eroe passa all’azione. Ma l’élite corrotta gli mette i bastoni tra le ruote: l’eroe viene arrestato e processato. Ma prima di essere condannato l’eroe enuncia un monologo che scuote le coscienze del pubblico e innesca la rivoluzione.

E il monologo è già lì pronto, nel Manifesto: “So che la verità che io rappresento è dura da accettare in questi tempi politicamente corretti, ma la maggioranza dei liberi e patriotici europei apprenderà presto che quello che dico è la verità. Noi abbiamo il popolo dalla nostra parte. Abbiamo la verità dalla nostra parte. E abbiamo il tempo dalla nostra parte”.

L’eroe si sacrifica perché il suo messaggio viva e si diffonda.

E’ il delirio di un matto col complesso di Gesù Cristo, si potrebbe dire. Se non fosse per un piccolo particolare: almeno in un punto Anders Behring Breivik aveva ragione.

Breivik ha ragione quando dice che ha il tempo dalla sua parte. Negli ultimi otto anni, infatti, molto di quello che ha scritto nel suo manifesto – le tirate sul genocidio dei bianchi e sull’Eurabia – è passato da essere materia di discussione nei più oscuri e radicali forum dell’estrema destra a essere apertamente discusso nei parlamenti europei.

Fonte: Washington Post

Per le elezioni europee 2019 l’Alternativa per la Germania ha pubblicato manifesti elettorali su cui si vede un dipinto in cui uomini d’aspetto arabo scrutano e palpeggiano una schiava bianca. Lo slogan: perché l’Europa non diventi l’Eurabia.

Fonte: Die Welt

In Austria l’FPÖ, alleato di governo del Partito Popolare, ha costruito gran parte delle proprie campagne elettorali sulla lotta a una presunta islamizzazione dell’Europa.

E un altro politico di spicco della nuova destra populista europea, l’olandese Geert Wilders  scriveva l’anno scorso su Twitter: “La nostra popolazione viene sostituita. I nostri leader lo stanno permettendo. Ci stanno tradendo. Dobbiamo resistere contro l’islamizzazione e contro questi leader traditori. Mai più. Chiudiamo le frontiere. Abbandoniamo l’Unione Europea e recuperiamo la nostra sovranità, de-islamizziamo le nostre nazioni e facciamo il nostro dovere di patrioti!” Anche questo non sfigurerebbe nel Manifesto di Breivik.

Ma non sono solo i partiti della destra radicale. Poco dopo il massacro di Utoya, il Presidente tedesco Christian Wulff aveva detto senza mezzi termini: l’islam è parte della Germania. L’anno scorso il leader dei Cristianosociali tedeschi e Ministro dell’Interno Horst Seehoofer dice invece l’esatto contrario: l’Islam non apparterrà mai alla Germania

Ah… e poi c’è lui:.

Questo è l’attuale ministro degli Interni italiano Matteo Salvini che, insieme agli alleati Marine Le Pen del Front National e Marcus Pretzell dell’AfD annuncia un fronte comune contro il trattato transatlantico TTIP. Parla di “Santa Alleanza dei popoli europei contro un tentativo di genocidio”. Sì vabbeh, verrebbe da dire, il TTIP è un accordo commerciale – giustamente controverso. Ma che c’entra il genocidio? E la Santa Alleanza?

E vabbeh, che male c’è? Sono posizioni legittime, sottoscritte da milioni di persone – ed è giusto che vi siano politici capaci di interpretare e articolare queste ansie in un sistema democratico. Altrimenti – Breivik l’ha dimostrato – c’è il rischio che la rabbia e la frustrazione di tanti cittadini si esprimano in maniera violenta.

C’è rischio che qualcun altro metta mano alla pistola.

Il 3 febbraio 2018 Jennifer, una ragazza nigeriana da poco in Italia, è in compagnia di un’amica davanti alla stazione di Macerata. Lì per lì non si accorge di una grossa auto nera che fa lentamente il giro della rotonda. L’auto si ferma proprio davanti a lei. Dal finestrino esce una mano – armata con una pistola Glock calibro 9. Jennifer è impietrita dal terrore. La pistola è puntata direttamente verso il suo petto. L’amica capisce la situazione e tira Jennifer a terra. Parte un colpo che raggiunge la ragazza alla spalla. L’automobile parte a tutta velocità accompagnata dalle urla della ragazza

Fonte: Il Gazzettino

Poco dopo l’auto nera si ferma davanti al Monumento ai Caduti. Ne esce un uomo di 28 anni, fisico massiccio, testa rasata. Le sirene della polizia si stanno avvicinando. L’uomo sale le scale del monumento e – con compostezza rituale – si toglie la giacca e si avvolge in una bandiera italiana. Quindi, come se stesse posando per un invisibile schiera di fotografi, fa il saluto romano

FONTE: Repubblica

Sei persone sono rimaste ferite nell’attentato – due gravemente. Vengono dal Ghana, dal Mali, dalla Nigeria, dal Gambia.

Sulle motivazioni dell’attacco ci sono da subito pochi dubbi: l’attentatore, Luca Traini, è conosciuto per la sua verve xenofoba, le sue simpatie di estrema destra – e per la sua candidatura alle amministrative tra le file della Lega.

E che cosa dice il segretario del partito di Traini mentre ancora i feriti vengono trattati d’urgenza in ospedale?

VIDEO Repubblica

Il criminale è chi ha permesso l’immigrazione. Non uno che ha sparato 30 colpi addosso a persone inermi.

Beh… ma quindi nel momento in cui il partito di Traini dovesse andare al governo e questo partito mettesse un freno all’immigrazione, ovviamente, questo stato d’emergenza dovrebbe finire. E la violenza scomparire.

VIDEO TG La 7

Questo accadeva nel luglio del 2018, appena un mese dopo l’insediamento del governo di Lega e Cinque Stelle. Ma la cosa è andata avanti. In tutto il 2018 il numero di violenze fisiche a sfondo razzista è triplicato rispetto all’anno prima. Triplicato, da 46 a 126 casi – e questi sono solo i casi denunciati.

Il rapporto 2018 dell’associazione Lunaria che da anni si occupa di razzismo in Italia sembra un bollettino di guerra

FONTE: LUNARIA

C’è il 27enne del Camerun preso a bastonate a Sarno. Ci sono i ragazzi del Mali bersaglio di spari a Napoli. Ci sono i migranti feriti da armi ad aria compressa a Latina a e Forlì. Ci sono gli abitanti dei centri d’accoglienza aggrediti a Sulmona, Atena Lucana e Pescolanciano vicino a Isernia. Ci sono i due ragazzi del Niger e del Senegal assaliti da gruppi di razzisti a Rimini e Partinico. Un altro camerunense colpito da un proiettile ad Aprilia. E la bambina rom di quattro mesi presa a fucilate a Roma. E poi c’è Sacko Sumayla, il sindacalista scomodo assassinato a Rosarno – solo per citarne alcuni.

Fantasie, dicono dal partito di Traini. Non c’è nessun allarme razzismo. E intanto le violenze continuano.

FONTE: Il Messaggero

Sarebbe tuttavia sbagliato guardare all’attuale ondata di odio e intolleranza come a un’onda anomala generata da una particolare congiuntura politica. Essa è in realtà cresciuta per anni – nel disinteresse e spesso colla complicità di chi oggi grida allo scandalo.

Il razzismo in Italia è un problema molto serio. E negli ultimi anni è diventato un’autentica piaga sociale: secondo l’Ufficio per le Istituzioni Democratiche e i Diritti Umani dell’OSCE in quattro anni i “crimini d’odio” in Italia sono aumentati di dieci volte: da 71 nel 2012 a più di 800 nel 2016 – e di questi quasi la metà aveva una motivazione razziale.

Vabbeh… Le teste calde ci sono dappertutto. E poi con tutti questi immigrati che sono arrivati negli ultimi anni… Magari in situazioni di degrado sociale – magari nelle periferie dove immigrati e italiani poveri condividono lo stesso disagio – può capitare che a un italiano o due scappi la pazienza. Può capitare che si desti l’indole ferina che dorme negli angoli bui della nostra civilissima società. Com’era quel detto latino? Homo homini lupus – l’uomo all’uomo è un lupo.

Ma non è proprio così. Il razzismo in Italia è una forma mentis diffusa in tutti gli strati della società – e questo già molto prima che aumentassero gli sbarchi: uno studio

FONTE: Infodata Sole 24 Ore

dell’istituto di ricerca americano Pew Center ha recentemente rilevato che gli italiani sono il popolo di gran lunga più intollerante di tutta l’Europa Occidentale. E non è che se la piglino solo coi “neri”. No. In questo gli italiani sono equi: odiano tutti, dagli zingari, ai musulmani, agli ebrei.

Perché? A voler dare ragione ai razzisti si potrebbe dire che gli italiani in quanto popolo sono predisposti all’intolleranza e alla violenza.

Questo è un servizio sugli italiani in Germania negli anni ‘60, quando gli invasori – spesso armati, a quanto pare – eravamo noi.

Fa male il razzismo, vero?

Ma chiaramente i motivi sono altri. Uno è che sicuramente, ad oggi, quasi nessun politico, nessun rappresentante di un’istituzione italiana ha mai detto chiaramente che l’Italia è un paese di immigrazione.

In altri paesi come gli Stati Uniti, il Canada, la Germania, il Regno Unito le istituzioni sono chiamate a formulare criteri di appartenenza inclusivi – cioè a definire un “noi” che abbracci l’intera popolazione, autoctona e immigrata. In Italia questo non è stato mai fatto – nella convinzione che il nostro sia più che altro un paese di emigrazione. Insomma, nessuno ha mai detto agli italiani: mettetevi l’anima in pace. Queste persone sono qui e ci restano.

Ma ovviamente, il razzismo e la violenza xenofoba non sono solo un problema dell’Italia.

Le aggressioni razziste sono aumentate negli ultimi anni anche in altri paesi. Questo ha senza dubbio a che vedere coll’aumento dei flussi migratori. Ma non solo. Perché la violenza razzista tende ad esplodere spesso anche in luoghi e situazioni dove gli immigrati non sono poi così tanti – e, guarda un po’ –  lo fa di preferenza quando partiti o movimenti anti-immigrazione hanno conseguito qualche vittoria politica importante. È accaduto nel Regno Unito nelle settimane dopo il referendum sulla Brexit. Ed è accaduto negli Stati Uniti all’indomani della vittoria di Donald Trump alle presidenziali.

E perché? La parola chiave, dicono i sociologi, è legittimazione. Quando un partito o un movimento politico con una chiara agenda xenofoba consegue una vittoria è come se fosse squillata l’adunata per tutti coloro che – per timore di ritorsioni – fino a quel momento si erano limitati alle chiacchiere da bar. O in rete. E’ il richiamo della foresta che sveglia il lupo.

Perché il razzismo, ahimé,  è sempre lì, accucciato in un angolo come una bestia da preda. Ma con una differenza.

Dopo la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz nel 1945 la politica europea – di destra e di sinistra, di qua e di là dal Muro – sembrava essersi messa d’accordo almeno su una cosa: il razzismo va trattato come un abominio, un mostro da tenere alla catena. Guai a farlo vedere in pubblico. E in effetti per mezzo secolo l’idea ha retto.

Finché, dopo il crollo del Muro di Berlino, il mostro si è liberato dalle sue catene ed è uscito allo scoperto. E ha aggredito e contagiato parti sempre più ampie del mondo politico.

Certo è un mostro diverso – meno impregnato di romanticismo ottocentesco come quel Gobineau che scriveva dell’ineguaglianza delle razze e più vicino alla realtà di oggi. Meno uomo lupo della letteratura gotica e più Teen Wolf.

Infatti i razzisti di oggi non parlano generalmente nemmeno di razza. Parlano di cultura, religione, civiltà. Persino un terrorista fanatico come Breivik nel suo manifesto la parola razza la usa poco e solo di sfuggita. E’ il razzismo senza razze di cui parlava il filosofo tedesco Theodor Adorno già negli anni ‘70.

E i razzisti di oggi – tranne alcune eccezioni – non fantasticano più nemmeno di una razza sovrana. No. Dicono di essere etnopluralisti – che vuol dire che amano tutte le razze, purché se ne stiano a casa loro.

E’ un razzismo dal volto sorridente e rassicurante. Un razzismo per tutti.  

Ma dietro il sorriso si celano zanne feroci.

C’è un altro uomo vestito di nero. Ha un giubbotto antiproiettile e mezzi guanti. E’ alla guida di un’auto scura. Nell’abitacolo penzola un Arbre Magique al limone. Dall’autoradio escono le note di una specie di mazurca – quasi non si direbbe che è un inno allo sterminio dei musulmani.

E sul sedile del passeggero ci sono vari fucili d’assalto istoriati con nomi di persone e di luoghi. L’auto si ferma in un vicolo. L’uomo scende. Senza dire una parola prende un altro fucile dal bagagliaio. Cammina a passo spedito fino all’ingresso di una moschea. Prima ancora di varcare la soglia alza il fucile e comincia a sparare.

L’attentato di Christchurch in Nuova Zelanda nel marzo 2019 ha il sapore di un déja-vu. E non solo perché, come Anders Behring Breivik e Luca Traini, l’attentatore, Brenton Tarrant, è un uomo bianco sui trent’anni senza alcun precedente penale o affiliazione politica – un insospettabile.

E’ un déja-vu perché Tarrant vuole che sia un déja-vu. L’intera operazione dal video a i nomi sui fucili, alla musica è concepita per farci pensare che questa strage non è un atto isolato, non è un colpo di testa ma parte di uno schema più grande.

E nel Manifesto, che, naturalmente, Tarrant ha pubblicato online prima di partire per il suo raid stragista ci sono espliciti riferimenti ad altri Cavalieri – dice proprio così, richiamando il suo modello di riferimento, Breivik:

“Io sostengo tutti coloro che prendono posizione contro il genocidio etnico e culturale. Luca Traini, Anders Breivik, Dylann Roof, Anton Lundin Petterson, Darren Osbourne eccetera”

E chi sono queste persone? Di Breivik e Traini abbiamo già detto.

Dylann Roof è il 21enne che, nel 2015, è entrato armato di mitragliatore in una chiesa di Charleston in Sud Carolina e ha massacrato tre uomini e sei donne di colore di età compresa tra i 26 e gli 87 anni. Anton Lundin Pettersson è un altro 21enne che, sempre nel 2015, ha sventrato a colpi di spada due insegnanti e un bambino di 12 anni – tutti di origini straniere – in una scuola di Trollhättan in Svezia. Anche Pettersson aveva firmato un manifesto in cui diceva di voler agire contro l’immigrazione incontrollata. Darren Osbourne è il 47enne che ha lanciato la sua auto contro un gruppo di persone davanti a una moschea di Londra uccidendo un uomo. Quando è sceso dall’auto, Osborne ha gridato: “ucciderò tutti i musulmani! Ho fatto la mia parte”. Stava per essere linciato quando è stato portato in salvo – dall’imam della moschea che aveva attaccato.

Eccetera, scrive Tarrant. Appunto. Eccetera. Perché la lista è lunga.

C’è il neonazista tedesco che nel giugno 2019 ha sparato in testa al Presidente del Distretto di Kassel perché questi difendeva la politica migratoria di Angela Merkel. Otto mesi prima un camionista di 46 anni ha aperto il fuoco in una sinagoga di Pittsburgh negli Stati Uniti, uccidendo 11 persone, tra cui una donna di 97 anni. Poi c’è il 20enne che, nell’agosto 2017, ha investito deliberatamente colla sua auto i partecipanti a una manifestazione antirazzista a Charlottesville in Virginia, uccidendo una donna. E ancora lo studente canadese che, sempre nel 2017, ha fatto irruzione in una moschea di Quebec City sparando sulle persone in preghiera, massacrandone sei. Stesso anno: un ex soldato a New York uccide a colpi di spada un senzatetto di colore per – dice – scatenare una guerra tra razze. E poi c’è il 18enne tedesco che, a Monaco, nel 2016, ha ucciso nove persone (tutte con un retroterra di migrazione) a colpi di pistola – la più giovane delle vittime era una ragazza di 14 anni. E il giardiniere di 45 anni che ha sparato addosso e poi accoltellato la deputata laburista inglese Jo Cox in nome della “razza bianca”.

E questo solo negli ultimi tre anni, senza contare le centinaia di attentati di piccolo calibro. Solo in Germania dal 2015 ci sono stati più di 400 attacchi violenti contro rifugiati e centri di accoglienza di cui 24 attentati incendiari con quasi 100 feriti.

Dico “attentati”, anche se molta gente fatica a chiamarli così. Anche nel caso di quello che è successo a Christchurch o a Macerata.

Sparatorie, stragi, gesti folli. Sono azioni individuali, partorite nella mente di sociopatici, disadattati, matti – lupi solitari.

Eppure questi lupi così solitari leggono gli stessi libri, si trovano negli stessi forum, in alcuni casi si scambiano messaggi e si riconoscono nelle stesse parole d’ordine. Roof, Osbourne, l’assassino di New York e il soldato tedesco dicono tutti che il loro obiettivo è una “Guerra tra razze”. Coincidenza?

C’è voluto che Tarrant lo scrivesse a chiare lettere nel suo Manifesto perché i giornali si rendessero conto che i lupi solitari hanno formato un branco.

E forse a questo punto sarebbe il caso di chiamarli col loro nome: terroristi.

Ma c’è chi non è d’accordo.

VIDEO YOU MEDIA

Questo – lo avrete riconosciuto – è ancora l’attuale ministro dell’Interno Matteo Salvini, che, interrogato sui fatti di Christchurch dice che l’unico terrorismo di cui bisogna occuparsi è quello islamico. Lo dicono i servizi di informazione e sicurezza.

Strano, perché, a quanto dicono quasi tutti gli esperti di sicurezza e terrorismo al mondo, a livello globale gli attentati di matrice islamica sono in forte calo – soprattutto a causa del collasso dello Stato Islamico

FONTE: Washington Post

Anche considerando il grande attentato terroristico avvenuto in una chiesa di Colombo in Sri Lanka a Pasqua del 2019 il numero di attacchi effettuati da gruppi islamici radicali si è più che dimezzato negli ultimi anni.

E invece aumentano le vittime del terrorismo di destra: negli Stati Uniti nel triennio 2015-2018 solo un quarto degli attacchi estremistici è stato di matrice islamista. Più del 70 per cento sono invece riconducibili all’estrema destra

FONTE: The Atlas

FONTE: SPLCENTER

E gli esperti dicono anche un’altra cosa: terrorismo di destra e terrorismo islamista appaiono oggi sempre più come due facce della stessa medaglia

FONTE: ABC

Prima – ai tempi di Al-Qaeda per capirci – i terrorismi islamisti erano organizzati, addestrati, ben armati e puntavano ad azioni di guerriglia con molti partecipanti e un impatto devastante.

Lo Stato Islamico ha invece progressivamente sposato l’ideologia della “Resistenza senza leader”, cioè ogni combattente nel mondo può colpire in qualsiasi momento, senza contattare nessuno – e così ridurre il rischio di essere scoperto

FONTE: Die Zeit

Da dove viene questa idea? Dai manuali di strategia del Terzo Reich, che, alla fine della guerra, quando tutto ormai era perduto, incitava ad azioni terroristiche isolate da parte di “Werwölfe” – che vuol dire, guarda un po’, lupi mannari

FONTE: LINK

Poi c’è il modus operandi: Breivik nel suo Manifesto si richiama esplicitamente all’esempio di Al Qaeda. Usare un veicolo per fare strage di passanti è la strategia usata da sedicenti membri dello Stato Islamico a Berlino, Londra, Nizza e Barcellona – ma anche da Osborne e dagli attentatori di Charlottesville e Bottrop. E l’idea di una telecamera fissata a un casco per riprendere la strage usata da Tarrant? E’ presa dal terrorista islamista che ha fatto una strage in una scuola ebraica di Tolosa nel 2012. E anche le loro ideologie si assomigliano: lo Stato Islamico incoraggia azioni terroristiche per provocare una guerra tra credenti e non-credenti. Osborne, Roof e gli altri non potrebbero essere più d’accordo.

E c’è un’altra, più inquietante somiglianza

FONTE: Link

Dall’analisi dei profili dei lupi solitari degli ultimi anni – siano essi islamisti, razzisti o qualcos-isti – emerge chiaramente che il loro percorso di radicalizzazione è – in generale –  estremamente breve. In alcuni casi – vedi Osborne e i terroristi islamici che hanno colpito a Nizza e nella città tedesca di Würzburg nel 2016 – si parla di pochi mesi. E avviene soprattutto in rete: prima attraverso social media, poi attraverso forum di gruppi radicali. Per questo non si può parlare realmente di affiliazione, politica o religiosa. Non sono gli islamisti di una volta che andavano per mesi nei campi d’addestramento in Pakistan o i terroristi (neri o rossi) degli anni ‘70 colle loro strutture paramilitari.

Sono come noi. Finché non scatta qualcosa e, all’improvviso, ecco il lupo.

Per questo è anche difficile appiccicare loro un’etichetta.

Neonazista, suprematista, estremista di destra: così la stampa internazionale ha chiamato Brenton Tarrant, il terrorista di Christchurch. Ma è lo stesso Tarrant a prendersi gioco di queste etichette. Lo scrive nel suo Manifesto – costruito come un’intervista immaginaria con uno di questi giornalisti che oggi faticano a decifrarlo:

“Sei un nazista? No, i nazisti non esistono. Sei di destra? A seconda delle definizioni, sì. Sei di sinistra? A seconda delle definizioni, sì. Sei un fascista? Sì. Chiunque venga chiamato fascista è un fascista. Sono sicuro che i giornalisti ameranno questo tipo di cose”.

FONTE: Die Zeit

“Sei un razzista?” si chiede ancora Tarrant. “Sì, per definizione”. Forse è proprio questo il punto. C’è un terrorismo globale di matrice razzista. Ecco, ma allora perché non esiste al mondo una commissione di inchiesta, una task-force o anche solo un’unità speciale contro questa minaccia?

Onestamente non me lo spiegare. Però ho un’ipotesi: perché ammettere che esiste un terrorismo razzista equivale ad ammettere che siamo tutti parte di un grande piano terroristico. Perché, se vogliamo essere onesti, siamo tutti impregnati di paure e pregiudizi. Tutti almeno una volta ce la siamo presa coi magrebini che spacciano al parchetto o con un mendicante rom – o magari abbiamo cambiato strada quando abbiamo visto venirci incontro un ragazzo di colore di notte in una strada isolata.

Tutti avvertiamo la presenza di questa bestia intollerante e feroce. Perché la bestia è sempre lì.  Però è importante sapere che esiste e che può far male. Anzi è questo l’unico modo per tenerla alla catena.

Perché il razzismo fa male anche quando è inconscio.

Una storia mi ha colpito particolarmente mentre facevo le mie ricerche sull’attentato di Utoya. La racconta un ragazzo, un testimone che è sopravvissuto alla strage.

La notizia che c’era qualcuno che sparava ai ragazzi del meeting si è sparsa velocemente sull’isola. Tutti hanno cominciato a scappare. Il ragazzo ricorda che c’era una ragazza accanto a lui con un paio di pantaloni sportivi grigi. A un certo punto hanno visto Breivik uscire in una radura. Aveva un giubbotto antiproiettile e imbracciava un fucile d’assalto. E la ragazza coi pantaloni grigi, invece di scappare, si è voltata e gli è andata incontro. Per qualche motivo l’uomo armato le infondeva sicurezza.

Breivik ha alzato il fucile e l’ha uccisa.

Ecco. Ho pensato una cosa: se fosse stato un uomo di aspetto mediorientale con una lunga barba nera la ragazza forse sarebbe scappata e sarebbe ancora viva.

Il razzismo uccide – soprattutto quando ci dimentichiamo che esiste.

Standard
Articoli, Episodi

L’uomo lupo, Ep. 6

Abbonati al podcast
Uno dei fucili usati da Brenton Tarrant, l’attentatore di Christchurch

Il mostro è sempre lì, in attesa.

Qui si parla di lupi solitari e branchi di razzisti.

Scritto da Fabio Ghelli

Prodotto da Federico Bogazzi e Fabio Ghelli

Musiche:

Standard
Testi

La bestia, i testi della quinta puntata

Allora, immaginate una sala conferenze di lusso: pareti rivestite di mogano con eleganti foto in bianco e nero in cornici d’argento. Un ampio tavolo – anch’esso di legno pregiato circondato da 10 poltrone in pelle. Su tre di queste poltrone siedono tre uomini. Uno di loro è reso irriconoscibile da un effetto elettronico. Dei due che gli siedono di fronte uno è più compassato – e indossa giacca e cravatta. L’altro invece ha la cravatta allentata e la camicia aperta e parla con aria di chi nella vita ha già visto tutto. E formula in poche parole un compendio di scienze politiche:

“Non serve a niente combattere una campagna elettorale sui fatti. Perché tutto si basa sulle emozioni. I due principali motori dell’essere umano quando si tratta di assimilare informazioni efficacemente sono speranze e paure. E molte di queste sono inspiegabili e spesso inconsce. Non sapevi di avere una certa paura finché non hai visto qualcosa che ha suscitato in te questa reazione. Il nostro lavoro è calare il secchio più a fondo dentro al pozzo. E capire quali sono le paure e ansie più profonde e radicate”

A parlare è Mark Turnbull, managing director di un’azienda britannica per l’analisi dei dati chiamata Cambridge Analytica.

Giornalisti della rete televisiva BBC hanno filmato Turnbull e il CEO dell’azienda Alexander Nix durante finti incontri con un potenziale cliente. Il servizio richiesto: la manipolazione di un’elezione.

E Turnbull spiega come funziona il servizio. Cambridge Analytica può ottenere informazioni personali su migliaia di potenziali elettori – e costruire una campagna che faccia leva sulle loro ansie più intime, sulle paure più profonde – paure che forse non sanno neanche di avere.

E come fanno? Grazie alle informazioni che mette a loro disposizione un’altra azienda specializzata nella gestione e analisi di dati. Ne avrete sentito parlare. Forse state usando i suoi servizi in questo momento. Si chiama Facebook.

Ma c’è di più: Turnbull e Nix promettono al cliente di poter eliminare avversari politici, magari coinvolgendoli in qualche lurido scandalo sessuale. Dicono di averlo già fatto decine di volte.

Dopo un po’ i discorsi dei due vertici di Cambridge Analytica non suonano più nemmeno inquietanti – ma più come delle scontate battute di un thriller politico.

Alla fine allo spettatore resta il dubbio: quanto c’è di vero nella cinica, amorale visione del mondo e della società che ispira l’attività di Cambridge Analytica?

Beh… A pensarci bene… Che importa. Verità e bugie – come direbbe qualcuno – sono solo fatti alternativi.

****

Ok. Facciamo un passo indietro. Ci sono due uomini di governo – in realtà sarebbero tre ma il terzo è poco più di un segnaposto. I due sono impegnati in una strenua lotta per l’egemonia – una lotta che divide la popolazione e rischia di spaccare lo Stato. Uno è un po’ più anziano e molto rispettato, soprattutto in ambienti militari. L’altro è giovane ma è un abile stratega e può contare su alcune amicizie importanti.

A un certo punto succede che il più anziano dei due sia in missione. Il giovane coglie la palla al balzo e si presenta in Senato con uno scoop sensazionale: un documento che dimostra oltre ogni ragionevole dubbio che il suo rivale è in combutta con una minacciosa potenza orientale per assumere il potere.

Il documento fa leva sui pregiudizi in voga contro gli stranieri – soprattutto orientali – considerati una minaccia per i valori e la stabilità dello Stato. Per corroborare i sospetti, il giovane politico mette in giro vari brevi messaggi – 140 caratteri o meno – che dipingono il suo avversario come immorale e corrotto. Anche per questo la notizia si diffonde in maniera virale. E scatena l’indignazione del mondo politico e la furia della popolazione, che chiede immediate conseguenze.

Il diretto interessato viene a conoscenza dell scandalo con molto ritardo, ma è troppo tardi. Il Senato lo dichiara decaduto dalla carica. A lui non resta che fuggire.

Si arriva allo scontro e il giovane stratega ne esce vittorioso. Al veterano non resta che il suicidio.

Ora sappiamo che quel documento che ha scatenato la caccia all’uomo era probabilmente un falso, una fake news – e pure fatta abbastanza male. Ma era un falso ben congegnato, capace di provocare reazioni forti: ira e indignazione.

E di cambiare la Storia del Mondo Occidentale. Perché quel documento risale più di 2000 anni fa e riguardava un certo Marco Antonio. L’autore? Cesare Ottaviano, che poi, col nome Augusto, sarebbe diventato il primo imperatore di Roma. (https://theconversation.com/the-fake-news-that-sealed-the-fate-of-antony-and-cleopatra-71287)

Le fake news sono vecchie quanto la politica. Sin dall’antichità raccontare fregnacce è un ottimo modo per liberarsi di un avversario o di un intero gruppo etnico o religioso. Ricordo che a scuola mi arrabbiai moltissimo per la storia di Alcibiade – giovane e brillante generale ateniese, amico di Socrate, che ad un certo punto viene accusato d’aver mutilato delle statue del dio Ermes. Tutto falso. Ma Alcibiade viene condannato a morte ed è costretto a fuggire.  

E che dire del povero Nerone, passato alla storia come l’imperatore folle che suona la cetra mentre Roma brucia – una storia che, coincidentalmente, è stata scritta proprio da quelli che lo hanno costretto al suicidio.

Per non parlare di tutte le campagne denigratorie ai danni di popolazioni, gruppi o minoranze religiose: i cristiani cannibali ai tempi dell’Impero Romano, i saraceni sodomiti, gli zingari rapitori di bambini. E, naturalmente, la caterva di fregnacce che ha circondato nei millenni quegli ammazza-bambini, propagatori di pestilenze e occulti complottari degli Ebrei.

Nei secoli i sistemi si raffinano. Le strategie diventano più complesse. E soprattutto ci sono più mezzi per raccontare e far circolare storie: libri, giornali, poi radio, TV.

Già durante la Prima Guerra Mondiale inglesi e tedeschi facevano a gara a chi riusciva a piazzare più fake news nei giornali: gli inglesi dicendo che i tedeschi facevano il sapone colle persone, i tedeschi invocando complotti giudaico-bolscevichi. E questo ancora prima che Joseph Göbbels creasse il famigerato ministero della Propaganda.

Ma a quanto pare sono i russi ad aver promosso le fake news a una vera forma d’arte. E questo molto prima di internet, delle campagne virali e degli hacker.

All’inizio degli anni ‘20 del XX secolo il GUP, il servizio segreto che sarebbe poi diventato il KGB, inaugura l’ufficio per la disinformazione. Questo ufficio produce una svolta decisiva nella storia dei servizi di intelligence: Fino a questo punto infatti le calunnie, i falsi, le fake news servivano sostanzialmente a due scopi – farsi belli o gettare fango addosso al nemico.

L’ufficio per la disinformazione fa un’altra cosa: confeziona e mette in giro informazioni false – non necessariamente positive o negative – ma plausibili. In questo modo crea una cortina di fumo in cui diventa difficile distinguere tra vero e falso. Una delle prime operazioni dell’ufficio è piazzare in vari giornali stranieri la notizia che vi sia un movimento di resistenza contro i bolscevichi – e che questo movimento sia prossimo alla vittoria. Alcuni dissidenti in esilio all’estero leggono la notizia e tornano in Russia per sostenere la resistenza. E così vengono arrestati e ammazzati. LINK

Ma è durante la Guerra Fredda che la disinformazione diventa un asset strategico fondamentale.

Gli esempi si sprecano. Avete presente per dire la storia che il virus dell’AIDS era stato creato in un laboratorio militare? L’ha creata il KGB nel 1983. E l’ha pure ammesso – qualche anno più tardi. Ma la bufala era così ben fatta che ogni tanto continua a fare capolino in qualche sito complottaro. LINK

Ma non sono solo i russi eh.

Fin dagli anni ‘60 la CIA, il servizio segreto statunitense, mantiene contatti con centinaia di giornalisti sparsi in tutto il mondo che hanno il compito di diffondere notizie e informazioni preparate dall’agenzia – come ha confermato una commissione governativa nel 1977.

A volte si limitano alle classiche campagne denigratorie – come in Iran negli anni ‘50 o nel Cile di Allende. A volte fanno cose più creative – come quando, per screditare il nuovo Presidente democraticamente eletto in Indonesia Sukarno, l’agenzia decise di realizzare un film porno con un attore che somigliava al Presidente. Il progetto fu annullato – perché, contrariamemente a quanto speravano gli agenti a Stelle e Strisce, i “rumours” intorno al film invece di generare scandalo avevano infatti fatto crescere la popolarità del presidente.  LINK

Insomma: la storia è piena di bugie – bugie colle gambe lunghe, lunghissime.

Ma forse il punto di svolta più importante per capire come siamo arrivati a oggi – a Cambridge Analytica, agli hacker e alle campagne di disinformazione online è l’agosto del 2008.

Mentre le redazioni di giornali e TV sonnecchiavano nella calura agostana, una notizia piombò come una bomba tra statistiche sulle temperature e foto di vip in vacanza: la Russia ha invaso la Georgia.

Come, perché, per colpa di chi è tutt’ora oggetto di dibattito. Un po’ come nel caso della guerra in Ucraina è difficile formarsi un’opinione: il governo georgiano dice che le milizie separatiste in Ossezia e Abkhazia avevano compiuto una serie di raid provocatori – e manda l’esercito. I separatisti a loro volta accusano l’esercito georgiano di aver effettuato dei veri e propri pogrom. E chiamano in soccorso Mosca.

Com’è, come non è, la guerra dura appena pochi giorni. Ma i suoi effetti sono destinati ad avere ripercussioni molto più durature.

Perché la guerra russo-georgiana è la prima guerra combattuta su un nuovo campo di battaglia: internet. Da un lato è la prima volta che hacker di entrambe le parti si sfidano a mettere fuori uso i siti della parte avversa.

Dall’altro il conflitto diventa un braccio di ferro mediatico: entrambe le parti iniziano una campagna internazionale per far vedere al mondo quanto cattivo è il nemico. Mentre la propaganda filo-russa funziona di fatto solo in Russia, i georgiani riescono a tirare dalla loro parte quasi tutti i media internazionali.

I russi riconoscono il loro problema di immagine. E cominciano a pensare a una soluzione.

“La guerra dei cinque giorni ci ha dimostrato che la rete è un fronte come i media tradizionali, ed è un fronte che reagisce molto più rapidamente e su una scala molto più ampia. L’agosto 2008 è l’inizio dell’era dei conflitti virtuali e il momento in cui ci siamo resi conto che bisogna combattere anche sul fronte dell’informazione”. Fonte: LINK

Queste parole sono state pronunciate da quello che – secondo alcuni – era all’epoca il secondo uomo più potente in Russia dopo Vladimir Putin: il vice-capo di gabinetto Vladislav Surkov.

Surkov è una delle figure più affascinanti della Storia russa contemporanea. Comincia la sua carriera come agente pubblicitario, poi passa alla televisione per approdare poi in politica. In tutte queste varie tappe c’è una costante: Surkov, che da ragazzo ha studiato regia teatrale, vede i pezzi della macchina pubblica – politici, imprenditori, media – come attori di una grande pièce.

Tutto sta a dare loro una buona sceneggiatura.

E la pièce ha anche un nome. Surkov la chiama “Democrazia sovrana”. In pratica significa che lo Stato controlla tutti gli aspetti della vita pubblica allo scopo di raggiungere – per dirla coll’autore – benessere materiale, libertà e giustizia per tutti, ma senza impelagarsi in inutili schermaglie politiche.

Il pragmatismo come unica ideologia.

Ora, qualcuno si chiederà… capisco la sovranità, ma dov’è la democrazia? Dove è che il popolo decide se fare A o fare anzi B? Beh… la democrazia per Surkov è la pièce – è il teatro. Cioè: la popolazione deve avere l’impressione di far parte di un grande teatro democratico in cui è giusto e sensato accapigliarsi. Poi alla fine decide lo Stato sovrano. Ci siamo?

Durante i suoi anni come braccio destro di Putin, Surkov ha finanziato decine – forse centinaia – di partiti, ONG, gruppi giovanili – tutti di orientamento diversissimo, di destra, di sinistra, nazionalisti, europeisti, alcuni pro Putin, altri ferocemente anti-Putin.

Perché, come ogni teatrante ben sa, un buon dramma ha bisogno di buoni conflitti.

Ma il vero colpo di genio di Surkov non è tanto aver creato questo sistema, quanto averlo reso pubblico.

C’è una foto scattata alcuni anni fa da un blogger liberale russo nello studio di Surkov. Nella foto si vedono due vecchi telefoni a tastiera che sembrano usciti da un film di spionaggio degli anni ‘70. Sui telefoni si leggono chiaramente i nomi di tutti i leader politici dell’opposizione. E’ la prova che Surkov ha tutti in tasca. Ma poi – colpo di scena – si scopre che il blogger era a libro paga di Surkov. E le foto le ha di fatto “leakate” lui stesso. E da chi lo sappiamo? Dallo stesso Surkov.

E’ un capolavoro di quella che i critici della letteratura chiamano “mise en abyme”: un abisso consecutivo di finzioni in cui uno finisce per perdersi, come in un labirinto di specchi.

E giusto perché non si dica che ce l’ho coi russi: la guerra dell’informazione – o della disinformazione – occupa in questi anni anche i servizi statunitensi. In un manuale della Scuola Ufficiali dell’Esercito americano del 2006 si legge: “La guerra di informazioni intende influenzare il comportamento degli obiettivi – inteso come noi, le persone – siano essi amministratori o pubblico generale. […] In questo non si differenzia da altre forme di esercizio del potere, siano esse diplomatiche, militari o economiche”.

LINK

Anzi, se vogliamo la Russia di Putin cerca solo di recuperare terreno.

Uno degli strumenti di propaganda più potenti in mano ai servizi statunitensi negli anni della Guerra Fredda erano stazioni radio internazionali come “Radio Free Europe”, “Radio Free Asia” e “Voice of America” che trasmettevano in territorio sovietico – e, aiutati dalle suadenti note di Elvis o dei Beatles, facevano breccia nella rigorosa educazione socialista. E contribuivano così al crollo del blocco comunista.

I tempi cambiano. E il rock è morto. Ma l’idea è viva: i contenuti giusti piazzati nelle orecchie giuste possono far crollare gli imperi.

Una delle prime iniziative che il Cremlino assume dopo la guerra colla Georgia è potenziare un piccolo network televisivo pubblico che, fino a quel momento, diffondeva notizie sulla Russia in lingua inglese – Russia Today. Dopo un processo di rebranding il network – adesso chiamato semplicemente RT – cambia strategia: spuntano redazioni in francese, tedesco, spagnolo e arabo.

E anche i contenuti cambiano. RT non parla più solo di Russia, ma di Europa e Stati Uniti. E lo fa soprattutto mettendo in luce situazioni critiche e problemi sociali – anche a costo di inventarseli: in pochi anni RT diventa il canale di comunicazione preferito da teorici del complotto americani come il giornalista radiofonico Alex Jones. Lo scopo è chiaro – come ha scritto una ex-collaboratrice del network: RT vuole dipingere l’inevitabile crollo della società liberale e capitalista occidentale.  LINK

Dietro il successo di RT c’è una giornalista di origini armene, Margarita Simonyan. Quando era alle superiori Simonyan ha trascorso un anno negli Stati Uniti. Ed è rimasta affascinata dal tono e dal ritmo dell’informazione di reti come CNN e CBS. Da lì viene l’idea di una rete d’informazione vivace e dinamica. E anche se all’inizio mancava di competenza e rigore giornalistico, RT riesce in breve a entrare tra i grandi player internazionali – e ad attrarre vere celebrità come il veterano della CNN Larry King e il fondatore di Wikileaks Julian Assange.

Ma non c’è da sbagliarsi: la missione di RT non è fare ascolti. Lo spiega bene la stessa Simonyan in un’intervista ad un quotidiano russo: “Ora non stiamo combattendo. Ma nel 2008 stavamo combattendo. Il Ministero della Difesa combatteva in Georgia ma noi combattevamo la guerra dell’informazione – e combattevamo contro tutto il mondo occidentale. Dobbiamo essere pronti per la guerra”. LINK

RT combatte una guerra. E presto riceve rinforzi. Dalla fusione dell’agenzia RIA Novosti con la vecchia Radio Mosca nasce nel 2012 un altro canale che Simonyan battezza Sputnik – perché il famoso satellite, dice, è una delle poche cose positive della Russia che si conoscono anche in Occidente. E Sputnik ha contenuti video e online in 30 lingue. Tra cui l’italiano.

Ora, nessuno sa di preciso quante persone seguono RT e Sputnik in TV. Ma in realtà importa poco, perché i loro video trovano presto un’altra piattaforma: Internet e i social network.

Qui si parla di miliardi di click. E come funziona la strategia del network? Semplice: ci sono articoli “esca” – cose leggere e curiose che vanno dai pezzi di gossip a quelli di costume, capaci di attrarre e solleticare l’interesse del lettore – per poi deviare l’attenzione verso altri articoli.

LINK

Come ad esempio l’articolo che nel gennaio 2016 parla del sequestro e stupro di una ragazzina di 13 anni di origine russa da parte di tre uomini di aspetto arabo a Berlino.

La storia – dice subito la polizia berlinese – è inventat. Ma RT la rilancia online lo stesso e in poche ore la notizia è diventata virale.

E questo è solo il primo livello.

Mentre intorno alla casa della ragazzina si forma un capannello di russo-tedeschi, un portavoce della polizia cerca di tranquillizzare gli animi e ribadisce che la storia è falsa. A questo punto RT usa il video del portavoce per fare un nuovo lancio: la polizia tedesca copre lo stupro di una bambina. E perché. Per difendere la politica migratoria di Angela Merkel. È una bomba. Centinaia di persone si riversano in strada e anche il ministro degli Esteri russo Lavrov in visita a Berlino dice che – se confermata – la notizia sarebbe di una gravità estrema.

Gli specialisti della guerra dell’informazione stanno pero solo scaldando i muscoli.

Mentre divampa lo scandalo del finto stupro a Berlino un esercito di hacker è al lavoro per raccogliere centinaia di E-Mail – l’obiettivo è la candidata democratica alle presidenziali americane Hillary Clinton.

Sappiamo com’è andata: le e-mail private di Clinton finiscono in mano a Wikileaks che – anche attraverso RT – le diffonde, insieme alla notizia che la candidata democratica avrebbe compiuto flagranti abusi d’ufficio. Nessuna delle accuse si concretizza ma tanto basta…

AUDIO Trump
LINK

Questo è l’attuale presidente americano Donald Trump che, durante la campagna elettorale del 2016, dice chiaramente: “Se la Russia o la Cina hanno quelle e-mail, sarò onesto. Io le voglio vedere”.

E’ singolare che Trump abbia festeggiato l’esito dell’inchiesta della commissione Mueller perché questa non ha trovato nessuna prova di una collusione diretta con agenti russi.

Nessuno – nemmeno nel team di Trump – ha mai infatti messo in discussione il fatto che ci sia stata una massiccia ingerenza di Mosca nelle elezioni. E che il Cremlino abbia di fatto favorito la vittoria del suo candidato preferito. E nessuno sembra preoccuparsi del fatto che questo – come ha scritto il Direttore dell’Intelligence americana all’inizio del 2017 – possa diventare un modello per future elezioni in altri paesi alleati.

LINK

Ora… Posso quasi sentire alcune persone di mia conoscenza dire: eh bravo! Facile prendersela coi russi cattivi eh! Perché non parliamo dei droni americani in Pakistan? Perché non parliamo delle armi tedesche in Arabia Saudita? O degli interessi francesi in Libia? Ah, i media non ne parlano… Che strano…

Come confermerà qualunque giornalista degno di questo nome, l’idea che i media possano essere obiettivi e imparziali è pura fantasia. Non dico che in Europa o negli Stati Uniti non vi siano tentativi di manipolare l’opinione pubblica. Dico solo che – fedeli al canovaccio del caro Surkov – la Russia fa di tutto per far sapere al mondo quanto potente è la sua macchina di disinformazione.

Molti avranno sicuramente sentito parlare dell’Internet Research Agency o “Fabbrica dei Troll” di Olgino, vicino a San Pietroburgo. Da una centrale operativa grande come un centro commerciale, l’agenzia gestisce quasi 4.000 account di twitter e un numero imprecisato di profili facebook, postando messaggi in russo, francese, inglese, tedesco. Quando la CIA ha diffuso i dati sull’ingerenza russa nelle elezioni presidenziali del 2016, Twitter e Facebook hanno trovato rispettivamente più di 9 milioni di tweet e 31 milioni di post su Facebook prodotti dalla “Fabbrica”.

LINK

https://www.io-archive.org/#/

Ma nonostante questo, nonostante i dossier investigativi e le interviste coi troll uscite su vari quotidiani la “Fabbrica” è sempre lì – e continua a pompare messaggi in rete come una vera fabbrica pompa vapori tossici nell’atmosfera. Anzi, ho l’impressione che più se ne parla, più questo altoforno alimentato da razzismo, populismo e autoritarismo avvampa e ruggisce.

Non si sa quale influenza abbiano i troll di Olgino sulla politica internazionale. Secondo alcuni sono una banda di disperati con un uso rudimentale del traduttore di Google. Secondo i servizi americani sono una seria minaccia per la democrazia.

La verità sta probabilmente nel mezzo. Ma l’aspetto più inquietante dei troll di Olgino non sono le loro macchinazioni – no, la cosa spaventosa è quanto è facile creare una fabbrica dei troll – basta un portatile e un accesso alla rete.

Per sapere quanto facile basta andare un po’ più a Sud, parecchio più a Sud, fino a Veles, in Macedonia.

Veles è una cittadina di 50.000 anime collocata tra colline verdeggianti. Intorno alla città ci sono i resti della zona industriale abbandonata dopo il crollo della Yugoslavia. Più della metà delle popolazione è disoccupata.

A un certo punto però in città cominciano ad apparire grosse macchine tedesche. E chi le guida? Qualche investitore straniero? Un capomafia? No, le guidano ragazzetti poco più che maggiorenni che hanno appena scoperto una miniera d’oro. Una miniera chiamata fake news.

E’ successo che alcuni appassionati di computer e videogiochi in paese hanno lanciato un sito di consigli per la salute in inglese – consigli assolutamente inventati, tipo impacchi di avocado per curare le verruche. Il sito va alla grande. Da lì alla politica internazionale il passo è breve. Siamo nel 2016 e le elezioni presidenziali in America tengono banco sui social.

I ragazzi di Veles lanciano diversi siti – all’apparenza giornalistici – con nomi tipo Politicalhall.com e USApolitics.com e iniziano a fabbricare notizie che poi postano su falsi profili social. In realtà le copiano per lo più da blog americani. Inizialmente provano a fare una cosa bipartisan con articoli pro Trump e pro Clinton. Ma presto si accorgono che le notizie pro Trump tirano di più.

In poco tempo ci sono più di 100 siti pro Trump registrati a Veles. Le notizie vengono condivise migliaia di volte. E colla pubblicità di Google i ragazzi tirano su decine di migliaia di euro.
LINK

Ma come è possibile che un gruppo di teenager che scrivono cazzate in cattivo inglese abbiano più seguito – diciamo – di questo documentatissimo e forbitissimo podcast?

Beh. La risposta – sembra banale – è proprio che scrivono cazzate.

Come ha dimostrato uno studio dell’MIT di Boston le fake news si diffondono più rapidamente e raggiungono più persone delle notizie di provata veridicità: mentre una notizia vera può aspirare al massimo a 1.000 visualizzazioni, una fake news raggiunge in media tra 1.000 e 100.000 persone.

LINK

E questo vale soprattutto per le situazioni ad elevata criticità come ad esempio un’elezione: un’analisi del siti d’informazione Buzzfeed ha messo in luce che nei tre mesi precedenti all’elezione americana del 2016 le fake news più cliccate di Facebook hanno ampiamente surclassato tutte le fonti di informazioni qualificate come il Washington Post, New York Times e NBC.

E la stessa cosa è capitata poco prima delle elezioni europee del maggio 2019: nelle settimane precedenti alle elezioni sono apparsi di colpo migliaia di profili Twitter che producevano a getto continuo tweet farlocchi in varie lingue. LINK

Questo perché – come diceva Turnbull, il supercattivo di Cambridge Anyltica – una notizia inventata può fare leva sulle emozioni degli utenti. E quindi provocare un maggiore coinvolgimento.

Non è cronaca. E’ letteratura, poesia. Beh. Non dico che sia buona letteratura.

“Immigrati senza diritti ricevono una pensione di 550 euro al mese e non hanno mai versato un soldo in Italia! Mentre i pensionati italiani che hanno lavorato per una vita se la sognano una pensione del genere!”

LINK

“Immigrati del centro profughi di San Bernardo sul Brenta in rivolta perché la struttura è vicino a un canile, animale da loro considerato impuro! Grazie Boldrini!”

LINK

“16 donne tedesche che hanno accettato di comparire sui giornali in questi giorni in Germania, sono state aggredite e stuprate da immigrati! è questo quello che il pd ha creato in tutta Europa!”

LINK

Questi sono alcuni esempi delle migliaia di fake news raccolte dal sito di debunking “Bufale un tanto al chilo”. Sembrerà assurdo ma molte di queste sono state riprese persino dai media ufficiali.

A quanto pare l’Italia è una terra di conquista per i professionisti delle bufale. Alcune settimane fa l’ONG Avaaz ha pubblicato una lista di più di 100 pagine Facebook italiane impegnate nella diffusione sistematica di bufale – in totale le pagine raggiungono quasi 20 milioni di persone. Pagine come “Vogliamo il movimento 5 stelle al governo”, “Lega Salvini Sulmona”, “Lega Salvini Premier Santa Teresa di riva”. Tutte con centinaia di migliaia di interazioni.

LINK

E una porzione consistente delle bufale diffuse dal network scoperto da Avaaz riguarda – rullo di tamburi – l’immigrazione.

Il motivo – l’abbiamo detto e ripetuto – è che ci sono pochi altri temi che polarizzano e provocano reazioni emotive quanto gli immigrati. Specialmente quando questi vengono presentati come stupratori, assassini o parassiti – come appunto facevano le succitate pagine.

Stando a un recente studio dell’istituto di ricerca Alto Analytics, il tema immigrazione sui social italiani è letteralmente dominato da chi diffonde il tipo di notizie che ho citato prima: quasi il 70 per cento dei post social sul tema hanno carattere fortemente negativo. Temi centrali sono la presunta invasione migratoria, criminalità e terrorismo.

LINK

Anche durante la campagna per le elezioni europee 4 notizie su 5 riguardanti l’immigrazione sui social avevano contenuto negativo.

LINK

E da dove vengono queste notizie? Se si guarda tra le fonti si scopre che rispettivamente al 40esimo e 58esimo posto delle fonti più citate in Italia sul tema si trovano due network che di norma non dovrebbero entrare nella top 100 dei principali media italiani. Avete indovinato: Sputnik e RT.

LINK

E vabbeh… Vedi che torniamo sempre lì, ai russi cattivi? Non ti sembra – dice la mia sempre solerte voce interiore – di fare esattamente quello di cui accusi gli altri? Non stai descrivendo un grande complotto globale gestito da (più o meno) occulti Maestri Venerabili?

No. E ti dico subito perché, cara voce interiore.

Perché nel mio intimo nutro una profonda, radicata convinzione: i complotti, le cabale, le trame occulte sono storie che ci raccontiamo per tenere viva l’illusione che ci sia qualcuno che ha un piano, una visione – qualcuno che conosce il funzionamento intimo delle cose del Mondo.

La realtà è però più prosaica – e molto, molto più sinistra.

Internet è un serbatoio di informazioni di proporzioni colossali. Se dovessi stampare in un libro tutti i contenuti presenti in rete il libro sarebbe alto come dalla Terra alla Luna. Allo stesso tempo ci sono nel Mondo più di 4 miliardi di persone che usano internet.

Ora: come faccio ad assicurarmi che in questa enorme massa di pagine e di persone il giusto utente trovi la pagina giusta?

La risposta è: con un algoritmo. Sono algoritmi a filtrare i risultati che ottengo quando cerco qualcosa su Google. Sono algoritmi che decidono quali storie di Facebook farmi vedere e quali no. E sono algoritmi che decidono la priorità con cui leggo i messaggi di Twitter.

E su cosa si basano queste decisioni? In soldoni si basano su due fattori: popolarità e preferenze personali.

Popolarità vuol dire che se un contenuto viene visionato e condiviso da tante persone è più probabile che mi capiti davanti. Sembra logico no? Se una cosa interessa a tanti è probabile che interessi anche a me.

Ma c’è un’altra ragione: pubblicità. Da che mondo è mondo la pubblicità è tanto più efficace quanta più gente la vede, no? E anche gestori di inserzioni come Google Adsense si basano su questo principio: Quindi, più interazioni genera un contenuto più è efficace il messaggio pubblicitario ad esso associato. E più soldi entrano in cassa. Semplice no?

E quali sono i contenuti che generano più interazioni? Beh… ce lo dicono i ragazzi di Veles: messaggi ad alto impatto emotivo – non importa se veri o no.

E poi ci sono le mie preferenze personali. Ogni click, ogni parola che digito in un motore di ricerca, ogni acquisto online, ogni foto che carico sui social contribuisce alla creazione di un profilo. Se, per dire, ho cliccato tre volte su articoli di ricette l’algoritmo mi classifica come amante della cucina – e mi suggerirà altri contenuti analoghi. Allo stesso modo, se ho cliccato due volte su qualche bufala anti-immigrati l’algoritmo mi proporrà altre storie simili.

E che ci fanno Google e Facebook con questi profili? Li vendono. A inserzionisti – o ad aziende come Cambridge Analytica, che sono così in grado di elaborare campagne sempre più personalizzate, sempre più efficaci.

LINK

Micro-targeting lo chiamano. Micro-obiettivi. Ognuno di noi è un micro-obiettivo. Così, per esempio, la mia passione per la cucina mi rende un obiettivo ideale per la pubblicità del nuovo tritatutto. E il mio interesse per gli immigrati… beh… com’ è che diceva Turnbull?

“Non sapevi di avere una certa paura finché non hai visto qualcosa che ha suscitato in te questa reazione”.

Una volta che inizi a ricevere un certo tipo di contenuti – e magari ci clicchi sopra – è difficilissimo che l’algoritmo ti proponga contenuti alternativi. Dopo il tritatutto viene un set di coltelli, dopo il set di coltelli viene il pastamatic. E così dopo l’articolo sulla pensione agli immigrati viene quello sul terrorismo islamico e dopo ancora quello sugli stupri e così via.

Piano piano l’algoritmo costruisce un muro intorno all’utente – una stanza in cui lui può di fatto solo sentire le voci di chi ha i suoi stessi interessi o la pensa come lui – una echo-chamber, la chiamano i teorici della comunicazione, una camera dell’eco.

E in questa camera più fervono le emozioni (la paura, la rabbia), più forte diventa il clamore. E più forte diventa il clamore più le emozioni vengono amplificate.  

E cascarci dentro a una di queste stanze è un attimo.

Fate questo esperimento. Andate su Youtube. Cercate “Alieni”. Cliccate sul primo video. Guardate nei video correlati.

Ecco… A me ci sono voluti esattamente due click per trovare un video che nega l’Olocausto.

La ragione? Video controversi, politicamente scorretti e provocatori attraggono più click. Quindi hanno un ranking più alto. E quindi è più facile che li veda. E una volta che ho cliccato su quel video beh… l’algoritmo comincia a costruire il muro.

E prima che diciate “Sì vabbeh, ma mica sono tutti scemi che se vedono un video diventano nazisti”… In realtà ho solo citato il caso – reale – di Doug McGuire, un americano che per anni ha perseguitato insieme a migliaia di altri fanatici i familiari delle vittime del massacro di Sandy Hook. E tutto – dice Doug, che ora lavora per un progetto di sensibilizzazione contro le fake news – è cominciato con un click su un video che parlava di alieni.

LINK

E’ vero che Google e Facebook stanno affrontando il problema – filtrando i contenuti e combattendo attivamente la diffusione di notizie false. Ma finora i risultati sono stati minimi.

E’ anche vero che il sistema non funziona con tutti. Se, per dire, ho già una coscienza politica sviluppata è difficile che un video o un post su Facebook mi facciano cambiare idea. Ma vedete… Ci sono molte persone che la coscienza politica se la stanno formando adesso in questo momento – e se la formano soprattutto in rete.

Circa la metà delle ragazze e dei ragazzi italiani sotto i vent’anni passa più di sette ore al giorno in rete. Dalla rete ottengono tutte le principali informazioni sull’attualità e sulla politica.

E i risultati si vedono: quasi il 70 per cento di loro ha un’opinione negativa della politica. Meno della metà di loro è andata a votare alle ultime europee. E quando lo ha fatto, quasi la metà ha scelto formazioni radicali come la “Lega” e “Fratelli d’Italia”.

Capite il punto? Non è che c’è un complotto internazionale. Non è nemmeno che ci sono perfidi spin-doctor che seducono le menti. No. Abbiamo costruito una macchina che ci rende prigionieri ognuno del suo incubo personale – una specie di Matrix alla rovescia. Un incubo in cui non esiste più il vero e il falso, giusto o sbagliato, in cui è impossibile fidarsi delle istituzioni, dei media o anche delle altre persone.

Questa è la vera “Bestia”. E non parlo dell’ormai leggendario sistema di micro-targeting sviluppato dallo spin-doctor della “Lega” Luca Morisi e che – secondo alcuni eminenti giornalisti – è alla radice del successo di Matteo Salvini. La “Bestia” di Morisi non è altro che un prontuario di regole per l’uso dei social network come se ne trovano tanti in rete. Il nome però è bello.

No. Questa è un’altra Bestia. Una Bestia con tante facce. Una Bestia che – in forme diverse – popola il nostro immaginario da millenni. Una Bestia che disgrega la società e produce paura, divisione e caos.

E vidi salir dal mare una bestia che aveva dieci corna e sette teste, e sulle corna dieci diademi, e sulle teste nomi di bestemmia. […] e tutta la terra maravigliata andò dietro alla bestia; e adorarono il dragone perché avea dato il potere alla bestia; e adorarono la bestia dicendo: Chi è simile alla bestia? e chi può guerreggiare con lei?

LINK

PER SAPERNE DI PIÙ:

LINK1

LINK 2

LINK 3

LINK 4

LINK 5

LINK 6

LINK 7

LINK 8

LINK 9

LINK 10

LINK 11

LINK 1

LINK 2

LINK 3

(Dis)Information: Fake It, Leak It, Spread It

LINK 1

LINK 2

LINK 3

LINK 4

LINK 5

LINK 6


LINK 7

LINK 8

LINK 9

Standard